Home Catene di caffetterie Lucca: il McD...

Lucca: il McDonald’s restaurato serve due auto alla volta al McDrive

Entro l'anno infatti è stimato l'arrivo di un nuovissimo software che semplificherà il lavoro dei dipendenti e le scelte dei clienti: "Si tratta di un programma informatico che permetterà di lasciare i propri dati e salvare le scelte più comuni delle singole persone - continua il licenziatario - In questo modo verranno memorizzati tutti gli ordini e la volta successiva il computer saprà indirizzare il cliente in base agli ultimi effettuati"

mcdonald's
Grande attesa per le novità a Lucca

LUCCA – Ancora poco tempo per assistere alla rivoluzione della catena di fastfood McDonald’s che sul territorio toscano, a Lucca, ha quasi ultimato l’operazione di restauro sul locale di viale Europa. Qui, oltre al classico angolo McCafé, ci sarà un McDrive potenziato, capace di servire due auto alla volta. Leggiamo i dettagli dall’articolo di Chiara Bernardini su lagazzettadiluca.it.

McDonald’s, più di un semplice fast food

McDonald’s guarda al futuro e comincia la sua rivoluzione. Lo rende noto Pino Iacopelli, licenziatario del marchio a Lucca e Pisa che già a fine gennaio aveva anticipato l’idea di un restauro per il punto vendita di viale Europa. Oggi il progetto diventa realtà e entro tre settimane il locale della catena più conosciuta al mondo avrà un aspetto totalmente rinnovato.

Stile fresco, colori chiari e maggior efficienza sono le parole d’ordine:

“Si tratta di un importante primo passo verso una completa riorganizzazione strutturale e gestionale. Oggi sono cominciati i lavori e la parte interna è già stata completamente stravolta – commenta Iacopelli – Nello specifico verrà rifatto il servizio di McDrive al fine di riuscire a servire due macchine contemporaneamente. La caffetteria, poi, avrà uno stile del tutto nuovo, così come ogni singolo aspetto del ristorante”.

Un grande cambiamento, quello intrapreso da McDonald’s, sia estetico che tecnologico

Entro l’anno infatti è stimato l’arrivo di un nuovissimo software che semplificherà il lavoro dei dipendenti e le scelte dei clienti: “Si tratta di un programma informatico che permetterà di lasciare i propri dati e salvare le scelte più comuni delle singole persone – continua il licenziatario – In questo modo verranno memorizzati tutti gli ordini e la volta successiva il computer saprà indirizzare il cliente in base agli ultimi effettuati”.

Una decisione pensata per agevolare anche la comunicazione coi Paesi esteri. Secondo una statistica, ad esempio, in Italia il panino più venduto è il famosissimo Crispy McBacon, superato il confine nazionale però questo nome sparisce dal menu dei ristoranti.

Il nuovo software servirà proprio in questi casi:

“Il cliente sarà accompagnato nella scelta del panino che più si avvicina al suo preferito e così per tutti gli altri prodotti di McDonald’s”, aggiunge Iacopelli. In ogni caso l’aspetto gestionale è ancora tutto da concretizzare, ciò che è reale è il restyling che si stima essere pronto entro il 26 marzo. Nel frattempo i lucchesi dovranno fare a meno di recarsi nel punto vendita di viale Europa, unico sul territorio lucchese, escludendo quello di Capannori.

Sì, perché nonostante si parli da anni di costruirne un altro all’interno del centro storico, l’idea è sempre morta sul nascere. Proprio su questo aspetto abbiamo chiesto a Pino Iacopelli il suo pensiero il quale ha concluso affermando come “Era un gran sogno allora e lo è anche oggi, ma sempre di sogni si parla”.

Nessun progetto dunque sul fronte di una seconda apertura, certi però che il restauro della prima possa essere un vero punto di svolta per tutta la città e non solo.