Home Opinione Martino Zanet...

Martino Zanetti controcorrente: «Coronavirus? Ai collaboratori consiglio di viaggiare in libertà»

«Il Coronavirus non esiste, se questa è una pandemia allora ce l'abbiamo tutti gli anni. È una falsità palese costruita dal governo francese per sabotare i progetti di "Via della Seta" fra Pechino e Venezia». A sostenerlo è il presidente della casa del caffè Hausbrandt, Martino Zanetti, parlando di una «criminale operazione» di un Paese europeo

martino zanetti
Martino Zanetti

MILANO – Un’affermazione forte, che genererà sicuramente un meccanismo di polemiche o, per lo meno, apre il dibattito, quella di Martino Zanetti, presidente Hausbrandt, su un tema molto caldo: il Coronavirus. Le origini del male dove si trovano? Le teorie si sprecano, un po’ seguendo anche la linea complottista che non molto giova a limitare il sentimento di panico già troppo diffuso nel Paese. Leggiamo quanto ha pubblicato il sito online del quotidiano il Gazzettino di Venezia. L’originale lo trovate qui ilgazzettino.it.

Martino Zanetti: il Coronavirus? Un piano francese

«Il Coronavirus non esiste, se questa è una pandemia allora ce l’abbiamo tutti gli anni. È una falsità palese costruita dal governo francese per sabotare i progetti di “Via della Seta” fra Pechino e Venezia».

A sostenerlo è il presidente della casa del caffè Hausbrandt, parlando di una «criminale operazione» di un Paese europeo

«Come uomo dissento totalmente dai meccanismi di coercizione mascherati da ordini di tutela della salute pubblica – aggiunge Zanetti – e ai miei collaboratori consiglio di viaggiare e muoversi liberamente senza preoccupazioni».