Home Estero Caffè e ciocc...

Caffè e cioccolato: il made in Italy a New York per la Festa della Repubblica

Tante iniziative tra Italian Trade Agency, Consolato e Istituto Italiano di Cultura. E' stata grande la partecipazione della comunità italiana e italoamericana alla giornata di celebrazione della Festa della Repubblica

festa della repubblica

NEW YORK – La cultura del made in Italy celebrata oltre i confini nazionali, durante la Festa della Repubblica che si è svolta nella Grande Mela. Celebrare questa occasione, ormai non è una questione limitata geograficamente. Gli italiani che hanno attraversato l’oceano, hanno trasmesso la cultura italiana sino agli States. Prima all’“Italian extraordinary taste” all’Italian Trade Agency, poi al Consolato e all’Istituto Italiano di Cultura per l’omaggio a Calvino.

Il tutto con in sottofondo l’inno nazionale cantato dagli studenti de La Scuola d’Italia e il concerto del Pasquale Grasso Trio.

Tovaglioli tricolore, specialità enogastronomiche, marchi di cosmetici, caffè. E’ all’Italian Trade Agency che si è aperta così la giornata di celebrazione della Festa della Repubblica.

Tanti gli sponsor che hanno deciso di rappresentare l’“Italian extraordinary taste”

Con i salumi e i formaggi di Cibo Italia, la pasta Zara condita da passata di pomodoro Agromonte e da grana padano Bertozzi; i vini della Cantina Malavasi, l’acqua Lurisia, il cioccolato Venchi e il caffè Sahib. Per la prima volta spazio anche ai prodotti di bellezza con lo stand di Skin&Co. e dell’hair stylist Rossano Ferretti.

Al suo arrivo, il Console Generale Francesco Genuardi ha ringraziato lo staff per l’ottimo lavoro svolto e ha sottolineato l’importanza della trade diplomacy.

Un ultimo: “Viva il cibo italiano, viva l’Italia e viva New York!”

Prima di spostarsi al 690 Park Avenue. Di fronte al Consolato, dove erano parcheggiate tre Lamborghini verdi, bianche e rosse, sono stati dedicati un albero e una targa per Italo Calvino e “Il barone rampante”. Alla presenza della figlia Giovanna.

Dopo che due alunni de La Scuola di Italia “Guglielmo Marconi” hanno letto brani tratti da “Il barone rampante”. I romanzi appesi ai rami sono stati distribuiti tra i presenti (a me è capitato “Gli amori difficili”).

Nelle sale del Consolato e dell’Istituto Italiano di Cultura, ancora festa con l’emozionante inno nazionale cantato da altri studenti de La Scuola e con il concerto del Pasquale Grasso Trio, sullo sfondo della mostra fotografica su Antonio Canova di Fabio Zonta e degli attrezzi Technogym.

La Italy Run by Ferrero di domenica

Seguito dall’incontro di ieri con il Governatore Cuomo ad Albany, per il Console Genuardi anche oggi è stata una bellissima giornata per onorare i settantadue anni della nostra Repubblica e i settant’anni della Costituzione assieme alla comunità italiana e italoamericana della Tri-State area, che si è sentita un po’ meno lontana dalla madrepatria.