mercoledì 01 Febbraio 2023

L’Ue vieta l’importazione dei prodotti derivati dalla deforestazione, come il caffè, il cacao o il tè

Secondo l’accordo la Commissione Ue classificherà i Paesi e le regioni a rischio. La percentuale di controlli sugli operatori sarà effettuata in base al livello di rischio del paese

Da leggere

Il Parlamento e gli stati membri dellUnione Europea hanno vietato l’importazione dei prodotti che derivano dalla deforestazione. Alcuni esempi comprendono: il cacao, il caffè, la soia e l’olio di palma ma anche il tè. Leggiamo di seguito la prima parte dell’articolo pubblicato sul portale online Open.

Il divieto dell’importazione dei prodotti risultati dalla deforestazione

MILANO – L’Unione Europea vieta l’importazione dei prodotti derivati dalla deforestazione. Il Parlamento e gli stati membri hanno raggiunto un accordo che va a colpire l’importazione di prodotti come cacaocaffè e soia se contribuiscono alla deforestazione. Tra i prodotti interessati ci sono anche l’olio di palma, il legno, la carne bovina e la gomma. Insieme ai materiali associati come pelle, cioccolato, mobili, carta e cartone.

L’importazione di questi prodotti sarà vietata se provengono da territori deforestati dopo il dicembre 2020. Secondo il Wwf attualmente l’Ue è responsabile del 16% della deforestazione globale attraverso le sue importazioni ed è il secondo distruttore di foreste tropicali dopo la Cina.

Il presidente della Commissione Ambiente del Parlamento Europeo Pascal Canfin ha parlato di un “accordo storico: è la prima legge al mondo contro la deforestazione. Il campo è esteso a gomma, carbone e derivati dell’olio di palma”.

Secondo l’accordo la Commissione Ue classificherà i Paesi e le regioni a rischio. La percentuale di controlli sugli operatori sarà effettuata in base al livello di rischio del paese.

Le percentuali sono: 9% per il rischio alto, 3% per rischio standard e 1% per rischio basso.

Per leggere la notizia completa basta cliccare qui.

Ultime Notizie