CIMBALI M2
giovedì 13 Giugno 2024
  • CIMBALI M2

Le bevande ready to drink al caffè e al latte sfiorano i 19 mln in vendite in Italia, +17% dallo scorso anno

Se le bevande aromatizzate fredde restano per ora indietro con le vendite, il caffè ready to drink, spiega il Sole 24 Ore, si è invece "guadagnato un suo pubblico, entrando nel 6% delle famiglie italiane (fonte Cps GfK) e fidelizzando i consumatori, anche grazie un’offerta cresciuta rapidamente, tanto che oggi supera le 60 referenze. A firmarle - si legge ancora - sono grandi brand (come Parmalat e Granarolo), marchi locali (come Trevalli Cooperlat), imprese specializzate (come Stuffer) e private label"

Da leggere

  • Dalla Corte
  • TME Cialdy Evo
  • Water and more
Carte Dozio
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

Secondo le stime elaborate in esclusiva per il quotidiano economico Il Sole 24 Ore da NielsenIQ, le bevande pronte con latte e caffè valgono in Italia quasi 19 milioni di euro e le  vendite sono aumentate del 17% solo nell’ultimo anno. Si scopre così che il Belpaese sta mutuando una usanza in stile Usa, impensabile solo qualche anno fa. Leggiamo di seguito la prima parte dell’articolo pubblicato sul portale adnkronos.

Le bevande ready to drink in Italia

MILANO – Caffè shakerato, iced cappucino, latte aromatizzato. La colazione degli italiani è sempre più ready to drink, cioè già pronta grazie alle bevande in bottiglia che starebbero conquistando il mercato persino nella patria dell’espresso. A rivelarlo, le stime elaborate in esclusiva per il Sole 24 Ore da NielsenIQ che ha utilizzato per l’occasione un paniere ad hoc.

Si scopre così che il Belpaese sta mutuando una usanza ‘a stelle e strisce’, impensabile solo qualche anno fa. Merito, anche, di un pubblico di acquirenti giovane “conquistato anche con proposte che occhieggiano alle mode del momento”, spiega il quotidiano economico.

“Solo considerando gli ultimi 12 mesi in Italia le vendite di bevande a base di latte o caffè (e spesso di entrambi) sono aumentate del 17% a valore e del 12% a volume, arrivando a sfiorare i 19 milioni di euro di vendite”, rivelano le stime, “un fenomeno molto recente, fatto di prodotti arrivati da poco tempo sugli scaffali e che hanno conosciuto una crescita importante a partire dal post pandemia”, spiega Elena Pezzotti di NielsenIQ.

Se le bevande aromatizzate fredde restano per ora indietro con le vendite, il caffè ready to drink, spiega il Sole 24 Ore, si è invece “guadagnato un suo pubblico, entrando nel 6% delle famiglie italiane (fonte Cps GfK) e fidelizzando i consumatori, anche grazie un’offerta cresciuta rapidamente, tanto che oggi supera le 60 referenze. A firmarle – si legge ancora – sono grandi brand (come Parmalat e Granarolo), marchi locali (come Trevalli Cooperlat), imprese specializzate (come Stuffer) e private label. Aziende e retalier vedono in queste bevande un salvagente per cercare di contrastare almeno in parte la costante diminuzione delle vendite di latte fresco (-4,8% a volume nei primi 10 mesi del 2023, secondo Ismea)”.

Per leggere la notizia completa basta cliccare qui

CIMBALI M2
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie