Home Caffè Torrefattori Julius Meinl ...

Julius Meinl raddoppia in Regno Unito con l’acquisizione del distributore Aroma & Gusto

I ricavi 2017 del torrefattore viennese a 178 milioni di euro

Julius Meinl Aroma Gusto La classica tazzina con il logo di Julius Meinl
La classica tazzina con il logo di Julius Meinl

MILANO – Julius Meinl raddoppia in Regno Unito con l’acquisizione del distributore Aroma & Gusto: l’operazione, completata a gennaio, ma annunciata soltanto questa settimana, è destinata a moltiplicare per due il fatturato del torrefattore viennese in terra britannica.
Meinl, che ha una forte presenza anche in Italia, è sbarcata in Uk nel 2014. Si è concentrata sinora soprattutto sull’area di Londra.

Qui  rifornisce oltre 200 clienti Horeca, con nomi del calibro di Hyatt Hotels, Mondrian e Balans Soho Society.

Grazie al nuovo distributore potrà espandersi nel centro dell’Inghilterra, in particolare nelle aree di Sheffield e Nottingham. In quest’ultima città aprirà un ufficio che andrà ad aggiungersi alla sede londinese.

IMA
JULIUS MEINL

L’acquisizione di Aroma & Gusto porterà ulteriori 140 clienti nel suo portafoglio.

Le prossime tappe?

Il sud-ovest dell’Inghilterra e la Scozia. A tale scopo, l’azienda è sin d’ora alla ricerca di nuovi partner locali.

Jérôme Pastre, direttore esecutivo International Business di Julius Meinl ha dichiarato: “Da tempo reputavamo una mossa logica espanderci nelle Mildlands e questa operazione di mercato ci ha offerto i mezzi necessari per realizzare questo obiettivo”.

“L’acquisizione di Aroma & Gusto ci consentirà di fornire ai nostri clienti dell’Inghilterra centrale e oltre una vasta gamma di prodotti nelle merceologie del caffè e del tè. Ma anche pacchetti completi, comprendenti macchine da caffè, attrezzature e altri materiali per i punti vendita.

Julius Meinl conta 50 mila clienti Horeca su scala globale. Oltre che in Austria ha una presenza importante in Europa centrale e orientale, nell’area adriatica, in Federazione Russa e a Dubai. Le vendite sono ammontate l’anno scorso a 178 milioni di euro.