mercoledì 01 Febbraio 2023

Inchiesta del Wsj sulle abitudini alimentari dei russi: il 27 beve caffè durante il pasto principale

Da leggere

NEW YORK – Un recente sondaggio sui costumi alimentari europei commissionato alla Gfk Custom Research Worldwide dal Wall Street Journal e pubblicato, pochi giorni fa, sull’edizione europea del quotidiano statunitense ha sfatato molti miti e stereotipi sulle abitudini a tavola dei cittadini del vecchio continente.

Si scopre così che i tedeschi bevono sempre meno birra, che il 92% delle donne francesi evita il vino durante i pasti, che gli austriaci sono ossessionati dalla dieta e che quasi la metà dei cechi considera la propria cucina “troppo pesante”.

Stando ai risultati dell’indagine (basata su un campione di 20.795 persone intervistate in una ventina di paesi), la cucina italiana è la seconda più sopravvalutata al mondo (lo sostiene il 7% degli interpellati) dopo quella francese (19%) e a pari merito con quella cinese, pur rimanendo molto apprezzata per la sua leggerezza.

Ben il 90% dei nostri connazionali consuma in casa propria almeno un pasto della giornata.

Al Belpaese spetta anche il primato per il consumo di vino a pasto (33%), mentre quello della birra è appannaggio dei cechi. I finlandesi preferiscono il latte (53%) e i tedeschi i succhi di frutta (32%).

Le risposte fornite si ricompongono in un vasto ritratto sociologico del vecchio continente evidenziandone le diverse culture e i differenti costumi. Scopriamo così che la Turchia è il paese più maschilista (nel 95% dei casi sono solo le donne a cucinare), mentre in Gran Bretagna, in una famiglia su tre, è l’uomo a stare di più ai fornelli.

Un dato interessante giunge dalla Russia, dove ben il 27% degli intervistati dichiara di bere caffè durante il pasto principale.

Ultime Notizie