Home Curiosità In Colombia, ...

In Colombia, una soap opera radiofonica racconta la vita e i problemi dei cafeteros

soap opera
La locandina della serie radiofonica

MILANO – Una telenovela, anzi una radionovela (o soap opera radiofonica), per raccontare la vita quotidiana dei cafeteros colombiani e fare opera di sensibilizzazione su importanti tematiche sociali e lavorative. Il titolo? “Mi finca, mi hogar y tesoro” (“La mia fattoria, la mia casa e il mio tesoro”). L’idea è della Federazione nazionale dei produttori di caffè della Colombia (Fnc), che si è avvalsa della collaborazione del Ministero del lavoro di Bogotá, dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo) e della Ong Colombia Avanza di Partners of America.

Si è scelto il genere della soap radiofonica, perché la radio rimane il mezzo più importante, prima ancora dei social, per la veicolazione dei contenuti informativi, educativi e formativi della Federazione, che diffonde in tutto il paese una settantina di programmi rivolti ai produttori di caffè delle varie regioni.

I temi della soap opera?

Innanzitutto quelli della sicurezza sul lavoro nelle aziende agricole: biosicurezza, profilassi fitosanitaria, tutela della salute, prevenzione degli infortuni, malattie professionali.

E ancora: integrazione generazionale, lavoro minorile e attenzione ai pericoli cui possono andare incontro i bambini nelle aziende familiari.

Le vicende si svolgono nel tipico microcosmo rurale della Colombia del caffè. I protagonisti? La famiglia Osorio Martínez, con il padre Carlos, la moglie Gloria e i figli Margarita María e Andrés. I vicini di casa. E poi gli amici Juaco e Carlos, che vengono a dare manforte nel periodo della raccolta.

Non può mancare naturalmente Mario, amico di famiglia e referente di prossimità del servizio di assistenza agronomica della Federazione.

Fnc collabora da ormai due anni con Ministero del lavoro, Ilo e Colombia Avanza in varie iniziative volte a contrastare lo sfruttamento della manodopera stagionale e del lavoro minorile.

E a promuovere il rispetto delle normative e dei protocolli sanitari. Una priorità ancora più urgente in tempi di pandemia.

Il progetto prevede inizialmente 18 puntate in onda sulle varie emittenti associate, ma disponibile anche sui canali YouTube e Soundcloud della Federazione.

                                                                                              Silvio Vicentini