CIMBALI M2
martedì 16 Luglio 2024
CIMBALI M2

I mercati del caffè rompono gli argini, Londra a 4.634$, NY supera i 2,5, Lavazza: “Prezzi giù? Non prima di un anno”

Rialzi senza freni in entrambe le borse. A Londra, la scadenza settembre ha guadagnato $286 (+6,58%) chiudendo a 4.634 dollari, nuovo massimo storico del contratto. Vola anche New York: il contratto principale (settembre) si è rivalutato di 1.555 punti (+6.63%) terminando la giornata a 249,95 centesimi, dopo avere toccato un intraday di 252,35 centesimi, livello massimo da quasi due anni e mezzo a questa parte. Giuseppe Lavazza: ““Solo il 20% dei produttori è pronto a mettersi a norma con l’Eudr”

Da leggere

TME Cialdy Evo
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

MILANO – “Avevo torto: i prezzi non scenderanno prima della metà del prossimo anno, nella migliore delle ipotesi”. Così Giuseppe Lavazza, presidente dell’omonimo gruppo di famiglia, in alcune dichiarazioni rilasciate durante un evento a margine degli Internazionali di Wimbledon, che si è svolto a Londra nella giornata di ieri, martedì 9 luglio. Parole che sono state riprese dai media britannici e del resto del mondo. Una previsione che arriva proprio in una giornata di rialzi senza precedenti, a Londra e New York (vedi aggiornamento in fondo all’articolo).

L’analisi di Lavazza è incentrata, in questo caso, sulla realtà di oltremanica e riprende alcune delle considerazioni già fatte a margine dell’assemblea Upa a Milano, delineando però – per quanto riguarda il mercato Uk – un outlook un po’ più ottimistico rispetto a quello tracciato per l’Italia.

“I prezzi rimarranno altissimi – avverte Lavazza – la supply chain è drammaticamente sotto pressione”. E i consumatori britannici non intravedranno la fine dei rincari prima di un anno, perché i “venti contrari” continueranno a colpire l’industria.

Per questo – continua Lavazza – “mi sono sbagliato” nel prevedere, l’anno scorso, che i prezzi sarebbero scesi nel 2024.

L’industria è abituata a fare i conti con le fluttuazioni dei prezzi degli arabica – spiega Lavazza – ma la recente impennata nelle quotazioni dei robusta è senza precedenti e sta causando ulteriori problemi.

Il cambiamento climatico ha inciso sui raccolti dei più importanti produttori mondiali di robusta, in particolare Vietnam e Indonesia, riducendo notevolmente l’offerta di questa varietà.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.

CIMBALI M2

Ultime Notizie

  • Water and more
  • Carte Dozio