Home Notizie Breaking News E dopo Host S...

E dopo Host Simonelli Group riunisce i venditori di 60 Paesi e i vertici mondiali Sca

Un riepilogo tra le aziende e le organizzazioni sul successo della 40°edizione di Host

simonelli Group nostalgico futuro

BELFORTE DEL CHIENTI (Macerata) – Un dopo Host intrigante ha riunito presso la nuova sede del Simonelli Group un folto gruppo di clienti esteri. Erano infatti quasi 300. Presenti inoltre i vertici Sca, Speciality Coffee association con l’amministratore delegato Ric Rhinehart, il direttore Yannis Apostolopoulos e Paul Stack, direttore operativo.

simonelli GroupSimonelli Group raccoglie tutti attorno al claim della riunione

«Nostalgico futuro». Un incontro che, per i presenti, assomigliava ad un vertice sull’innovazione. Sono state discusse le prossime sfide per il Simonelli Group. Più in generale, per l’intero comparto delle macchine per il caffè professionali.

simonelli group

Si è trattato di una riunione ricca di significati che ha raccolto i rivenditori esteri provenienti da quasi 60 Paesi. Soprattutto asiatici e delle Americhe. Rivenditori e concessionari che rappresentano circa il 50% del fatturato del Simonelli Group.

FOODNESS
CARTE DOZIO

Un incontro zeppo di contenuti, a cominciare dall’intervento del Rettore dell’Università di Camerino Fabio Corradini che ha spiegato agli ospiti la collaborazione tra l’azienda presieduta da Nando Ottavi e le istituzioni universitarie, non soltanto locali.

Il tutto con l’obiettivo di studiare a fondo il caffè e le macchine professionali per l’espresso in modo rigoroso e scientifico.

Come si è potuto vedere anche a Host nello spazio dedicato all’Hub del Simonelli Group.

Non è mancato un fondamentale convegno per gli ospiti, interamente dedicato al caffè. Con un palco a sei voci, coordinati da James Hoffman, ex campione mondiale di caffetteria, sono intervenuti i vertici Sca e il direttore generale del Simonelli Group Fabio Ceccarani.

Poi è stato lasciato ampio spazio agli interventi dei qualificati presenti che hanno fatto fioccare considerazioni e domande sul futuro del caffè. E non soltanto.

Ne riferiremo presto.

E non è mancata la visita alle catene di montaggio dove ogni anno si producono 35.000 macchine per i due marchi del gruppo: Nuova Simonelli e Victoria Arduino. Per un fatturato di 77 milioni nel 2016 con un turnover di 17 milioni.

Una fabbrica dove tutti i modelli del gruppo nascono sulle stesse linee, uno dopo l’altro, anche uno diverso dall’altro.

Il tutto sotto lo stretto controllo di un sistema di gestione elettronica integrata che permette questo miracolo, ma ripetuto tutti i giorni tante volte, e che anche pochi anni fa sarebbe stato impossibile.

La serata Simonelli Group
La serata Simonelli group

Per una volta è stato anche aperto il centro studi e ricerche dove sono stati mostrati alcuni degli esperimenti in corso sull’affidabilità delle macchine. E anche come nascono le prossime novità che debutteranno sul mercato nei prossimi anni.

simonelliUna nuova sede sontuosa ed efficiente quella del Simonelli Group zeppa di innovazione e arricchita con tanti marmi ma anche vetro, poltrone Frau negli uffici e dappertutto illuminazione iGuzzini. Queste ultime aziende della zona in cui si trova il Simonelli Group.

La serara Simonelli Group

Una riunione ricca di significati e anche di contenuti che ci ha permesso di raccogliere molte informazioni e materiale che vi gireremo molto presto.

Simonelli
Una visione colorata di una delle catene di montaggio
theresia Victoria arduino
Theresia Victoria Arduino