mercoledì 17 Agosto 2022

Hausbrandt va oltre il caffè: sono vino e birra che trainano i ricavi a 73 milioni

L’azienda nata a Trieste 130 anni fa, con quartier generale a Nervesa della Battaglia, rivela la strategia vincente del business

Da leggere

MILANO – Una torrefazione tra le più importanti d’Italia, uno dei marchi più noti, da 130 anni sinonimo di caffè. Hausbrandt si conferma è tra le torrefazioni più attive del panorama italiano con una serie di attività durante tutto l’anno e non soltanto in occasione delle Fiere. Questa volta si parla di conti. Lo facciamo attraverso un articolo del quotidiano Nord est economia a firma di Enzo del Giudice che riassume molto bene la situazione del bilancio 2021 di Haubrandt che indica ricavi per 73 milioni di euro e risulta diversificato rispetto al core business del caffè e spazia da anni dalla birra ai vini di alta qualità ai dolci di Natale e Pasqua sempre firmati dai più grandi pasticceri. Ma mediamo che cosa dice Del Giudice.

TREVISO – La passione resta il caffè, con il quale Hausbrandt è stata fondata a Trieste 130 anni fa. Ma nel business sono entrati, e con successo, altri prodotti, e alcuni – come lo champagne – d’élite.

L’azienda che ha il suo quartier generale oggi a Nervesa della Battaglia, nel trevigiano, ha mandato in archivio il 2021 con ricavi a 73 milioni di euro, in crescita rispetto al 2020 che è stato difficile per tutte le imprese che si rivolgono al canale horeca, e guarda al 2022 come all’anno in cui recuperare i livelli pre-Covid.

E questo anche grazie alla diversificazione del business che vede, oltre al caffè, il vino, con la casa vinicola Col Sandago, che si dedica al prosecco ma anche ad alcuni rossi d’autore, la birra, con il brand Theresianer, e lo champagne Martin Orsyn con cui Hausbrandt ha debuttato sul mercato proprio nel 2021.

Dicevamo che il caffè resta l’anima nell’azienda, e lo è nello stabilimento trevigiano che ospita un moderno impianto di torrefazione e il polo logistico, che conta su circa 4 mila 400 metri quadrati di magazzino utili a stoccare un prodotto che viene esportato in oltre 90 Paesi del mondo per un valore che si attesta su circa la metà del fatturato.

Ultime Notizie