Home Capsule Gruppo Gimoka...

Gruppo Gimoka porta nello stand di Host 2019 l’innovazione sostenibile e responsabile

Il nuovo payoff di Gimoka

MILANO/ANDALO VALTELLINO (Sondrio) – Sarà l’innovazione per la sostenibilità a tutto tondo una delle principali proposizioni di Gruppo Gimoka a Host 2019 in fieramilano a Rho da venerdì 18 a martedì 22 ottobre.

Un’innovazione sostenibile in tutti i passaggi del processo: a partire dalla progettazione grazie ad approccio design for recycling – ad esempio con l’utilizzo di monomateriali alu-free (completamente ricicalbili) – e con la riduzione di peso, fino all’utilizzo nei pack di materiali compostabili, provenienti da fonti vegetali non in competizione con l’alimentazione umana.

Coffee instinct is going green

All’insegna di un payoff rinnovato per l’occasione Coffee instinct is going green, il Gruppo si propone a Host 2019 come player di riferimento in grado di offrire nel porzionato una soluzione totalmente compostabile (cialda e pack) per i sistemi ESE e compatibili Senseo ®(*).

La carta filtro è prodotta con una speciale fibra di origine naturale (PLA a base di cellulosa e acido polilattico) saldabile a caldo e certificata compostabile Ok Compost secondo lo EN 13432, oltre ad essere certificata 100 % OK Bio Based (4 stelle).

Anche il flow pack, materiale speciale in esclusiva per Gruppo Gimoka è realizzato in fibre vegetali certificate OK Compost da TÜV Austria.

Un imballaggio con caratteristiche uniche

Un imballaggio unico per prestazioni offerte che oltre a una barriera all’ossigeno preserva inalterato nel tempo l’aroma del caffè, non risente dei limiti cromatici di altre fibre e si presta a un’ottima vestizione creativa per valorizzare le potenzialità di marketing del porzionato in esso contenuto.

Un differenziale competitivo unico per Gruppo Gimoka, sia rispetto alle normali cialde in carta – solitamente non compostabili – ma soprattutto rispetto al tradizionale pack in alluminio accoppiato, che non è riciclabile e deve essere smaltito nell’indifferenziato.

Gruppo Gimoka rafforza così la sua strategia green coniugando la sostenibilità ambientale con le caratteristiche a maggior valore aggiunto come qualità in tazza, funzionalità, mantenimento nel tempo delle caratteristiche.

Capsule compostabili a barriera di ossigeno

Presenti allo stand anche le capsule compostabili certificate Ok Compost, compatibili* Lavazza A Modo Mio® *100% bio-based, con funzionalità testata su macchine del sistema ed eccellente qualità in tazza e le capsule compatibili Nespresso® compostabili, 100 % bio-based.

Caratteristica comune alle soluzioni in capsule del Gruppo, è il sistema salvaroma, ovvero capsule compostabili ma a barriera all’ossigeno, idonee ad essere smaltiti nell’umido per il compostaggio industriale.

Il bouquet di aromi del caffè viene così salvaguardato in modo ottimale anche nel tempo grazie ad una shelf-life più prolungata, senza necessità di sovraincarti, in confezioni compatte che occupano meno spazio sugli scaffali e nei trasporti.

Una proposta che mira a intercettare i target di consumatori più attenti alla sostenibilità e che può rappresentare un interessante ampliamento di gamma per i clienti Private Label di Gruppo Gimoka.

Arriva il brand australiano St Remio

L’attenzione alla sostenibilità di Gruppo Gimoka si completa grazie all’inserimento nel suo brand portfolio del marchio australiano St Remio a forte vocazione etica poiché centra la sua identità sul supporto delle cooperative coltivatrici del Ruanda, grazie a programmi biennali di sostegno articolati in obiettivi concreti a favore delle donne. Tutta l’offerta St Remio, certificata UTZ, sarà presentata a Host nello stand del Gruppo.

Gruppo Gimola tiene fede agli standard più elevati

Gruppo Gimoka si conferma tra le aziende del settore più attente a migliorare costantemente la sostenibilità dei prodotti, avendo a riferimento i più alti standard, a partire dai Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite, le direttive della FAO sulle pratiche dell’agricoltura sostenibile e l’economia circolare, per non dimenticare la Strategia europea per la plastica emanata lo scorso luglio 2018 e gli standard UNI EN13432 agendo su tutti i possibili fronti: materie prime, processo produttivo, packaging, utilizzo e smaltimento del prodotto.