CIMBALI M2
giovedì 13 Giugno 2024
  • CIMBALI M2

Genova, stop al pagamento del canone per i dehors progettati in linea con le future guide del Comune

Le linee guida, che sono in elaborazione, dovrebbero essere completate nei prossimi mesi: una volta che il testo sarà pronto si dovrebbe sapere anche quale sarà la durata dell'esenzione prevista per chi rispetterà le nuove regole di decoro, e che cosa comporterà il mancato adeguamento ai criteri indicati

Da leggere

  • Dalla Corte
  • TME Cialdy Evo
  • Water and more
Carte Dozio
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

La nuova norma è stata approvata dal consiglio comunale con il voto favorevole della sola maggioranza di centrodestra, mentre tutta la minoranza – PD, Genova civica, Rossoverdi e M5S – si è astenuta affermando che ancora non si conoscono i criteri delle guide del Comune. Leggiamo di seguito la prima parte dell’articolo pubblicato sul quotidiano Il Secolo XIX.

La normativa sui dehors

GENOVA – Via libera all’esenzione dal pagamento del canone di occupazione del suolo pubblico per i dehors progettati secondo le (future) linee guida del Comune. La nuova norma, che cambierà le regole attualmente in vigore, è stata approvata dal consiglio comunale con il voto favorevole della sola maggioranza di centrodestra, mentre tutta la minoranza – PD, Genova civica, Rossoverdi e M5S – si è astenuta, contestando il fatto che ancora non si conoscano i criteri in base ai quali sarà concessa la gratuità.

Le linee guida, che sono in elaborazione, dovrebbero essere completate, infatti, nei prossimi mesi: una volta che il testo sarà pronto si dovrebbe sapere anche quale sarà la durata dell’esenzione prevista per chi rispetterà le nuove regole di decoro, e che cosa comporterà il mancato adeguamento ai criteri indicati.

“Senza conoscere prima le linee guida e senza un piano comunale del commercio, il voto a questa delibera è un atto di fede, vista l’idea molto discutibile che ha del commercio questa amministrazione”, ha attaccato il capogruppo del Pd, Simone D’Angelo, secondo il quale il provvedimento risponderebbe all'”esigenza politica della Lega” – partito dell’assessore al Commercio Paola Bordilli – di dare un segnale al piccolo commercio.

In assoluto i dehors non sono sempre migliorativi del decoro urbano e da questo provvedimento non si capisce dove stia la tutela del bene pubblico”, ha osservato Stefano Amore di Genova Civica, e Mattia Crucioli di Uniti per la Costituzione ha chiesto se “sia corretto non far pagare per l’utilizzo di suolo pubblico, visto che questo comporterà meno entrate per il Comune”. Per Crucioli il problema è che “se le maglie fossero troppo larghe si rischierebbe il proliferare di dehors con la sottrazione di spazi pubblici“.

Per leggere la notizia completa basta cliccare qui.

CIMBALI M2
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie