giovedì 20 Gennaio 2022

Con le Victoria Arduino Fundación Roca rinasce caffetteria, galleria d’arte e biblioteca

“Quando i miei genitori hanno deciso di aprire nella loro vecchia scuola professionale una galleria d’arte – ha detto Luis Pedro Roca -, abbiamo deciso di trasferire lì la nostra libreria e la nostra caffetteria e di unire la nostra passione per il caffè e per l’arte. Non era la prima volta che coglievamo un’occasione del genere: undici anni fa la nostra libreria stava per chiudere e abbiamo deciso di aprire una caffetteria al suo interno"

Da leggere

SANTA CRUZ (Bolivia) – Pannelli in legno riciclato dipinti a mano che raccontano la cultura boliviana, la storia del caffè e l’importanza della connessione e della relazione. È la storia della Fundación Roca Gravato di Santa Cruz, in Bolivia, una vecchia scuola professionale trasformata da Luis Alberto Roca e Rita Gravato in caffetteria, galleria d’arte e biblioteca.

“Quando i miei genitori hanno deciso di aprire nella loro vecchia scuola professionale una galleria d’arte – ha detto Luis Pedro Roca -, abbiamo deciso di trasferire lì la nostra libreria e la nostra caffetteria e di unire la nostra passione per il caffè e per l’arte. Non era la prima volta che coglievamo un’occasione del genere: undici anni fa la nostra libreria stava per chiudere e abbiamo deciso di aprire una caffetteria al suo interno. È stata un’idea incredibile, anche perché mi sono innamorato del caffè e sono diventato presto un barista certificato Sca, e così tre anni fa abbiamo iniziato a tostare il caffè. Compriamo caffè verde da produttori boliviani, e abbiamo una macchina privata da 5 chili che tosta il nostro caffè speciale Alto Tostado”.

Ora nella Fundación Roca Gravato i visitatori possono degustare ottimi caffè

Dentro la caffetteria, galleria d’arte

Possono godere di mostre personali di artisti locali e di una grande galleria con riproduzioni a grandezza naturale di importanti opere d’arte realizzate da artisti locali. “Il nostro impegno è dare la possibilità di vedere importanti capolavori ai boliviani che non possono visitare musei internazionali e condividere con loro la passione per l’arte” – ha detto Luis Pedro Roca.

Con centinaia di visitatori al giorno la galleria d’arte continua con la missione di condividere la passione per l’arte e per il caffè attraverso la caffetteria che prepara caffè e cappuccini con le macchine da caffè Victoria Arduino

“Eagle One e E1 Prima sono state macchine d’ispirazione per i nostri 6 artisti residenti – ci ha detto Luis Pedro Roca. “Hanno replicato i pannelli posteriori delle macchine utilizzando legno riciclato e altri materiali diversi e hanno iniziato a dipingerli. Il risultato è stato davvero impressionante tanto che abbiamo iniziato a vendere macchine personalizzate Eagle One e E1 Prima, una nuova grande opportunità per il nostro business!”

Da un punto di vista antropologico la “personalizzazione” è riferita a un processo di appropriazione culturale e creazione di design su misura, aiutando le persone a raccontare la propria identità, le proprie storie e a comunicare un messaggio.

“Lo hanno fatto i nostri artisti residenti – ci ha raccontato Camila Roca – e i nostri clienti sono appassionati perché nella loro caffetteria possono lavorare con macchine dalle grandi performance estrattive e, allo stesso tempo, godere di un’opera d’arte unica che racconta la cultura del nostro Paese, o le origini del caffè o l’impegno per una crescita sostenibile, o ciò che vogliono comunicare”.

Per me il caffè è una forma d’arte – ha affermato Betzalel Maida, uno dei sei artisti residenti – possiamo dipingere utilizzando superfici diverse e tecniche diverse come un barista può preparare il caffè utilizzando singole origini o miscele e metodi di erogazione diversi. La cosa più importante è offrire una grande esperienza per tutti i sensi.”

 

 

Ultime Notizie