Home Aziende EXPO2015 &#82...

EXPO2015 – Pronto il primo forum globale e la giornata mondiale per il caffè

TAZZINA EXPO MILANO 2015
MILANO – «La decisione di tenere nel settembre 2015 il primo Forum Globale sul Caffè, in occasione di Expo, dimostra il forte impegno del nostro Governo di cogliere la grande opportunità offerta dell’Esposizione Universale di Milano per dare visibilità e voce all’industria del caffè e ai suoi produttori, in uno spirito di costante collaborazione tra i Paesi produttori e consumatori».
Così il ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina, sulla decisione del Consiglio dell’Organizzazione Internazionale del Caffè (ICO) al termine della settimana di lavori che si è svolta a Londra dal 3 marzo a oggi.
«Allo stesso tempo, anche la scelta di celebrare ad Expo Milano la prima Giornata Mondiale del Caffè, il 1° ottobre 2015, ci permette di avere un momento di incontro e di confronto per approfondire e promuovere a livello globale il caffè, parte integrante di uno stile di vita, quello italiano appunto, apprezzato in tutto il mondo, capace di unire gusto e cultura – prosegue -. Ospitarne il lancio a Milano significa per l’Italia avere una vetrina di prestigio. Expo è una delle opportunità più straordinarie che abbiamo, non solo per il comparto agroalimentare ma per l’intero Paese».

Ai lavori del Consiglio ICO di Londra sono intervenuti il direttore Centrale per l’Internazionalizzazione Sistema Paese del MAE, Vincenzo de Luca, e il General Manager for Participants della Società Expo Milano 2015, Stefano Gatti, oltre al Presidente del Comitato di Promozione e Sviluppo dei Mercati dell’ICO, Andrea Illy.

Il Consiglio dell’ICO ha anche stabilito di tenere la Conferenza Mondiale del Caffè ad Addis Abeba nel marzo 2016. Dopo le edizioni di Londra (presieduta dalla Colombia), Salvador de Bahia e Città del Guatemala, l’ICO ha riconosciuto l’influenza del caffè nell’economia e nella cultura etiopica e il dinamismo di questo Paese e di altri protagonisti del continente africano nel suo mercato di produzione.