Home Affari & Mercati De’Long...

De’Longhi, per 136 mil sale al 100% della svizzera Eversys superautomatiche

L’operazione si sostanzia nell’acquisizione del restante 60% di partecipazione in Eversys, che va a sommarsi al 40% acquisito da De’ Longhi nel giugno 2017

Eversys Cameo
Il modello Cameo della Eversys

MILANO – A seguito del completamento dell’iter autorizzativo da parte degli organi competenti (in particolare degli organi di Antitrust) e del verificarsi delle condizioni sospensive, il Gruppo De’ Longhi (“De’ Longhi”) ha finalizzato l’accordo per rilevare il controllo totale del gruppo svizzero Eversys (“Eversys”). L’operazione si sostanzia nell’acquisizione del restante 60% di partecipazione in Eversys, che va a sommarsi al 40% acquisito da De’ Longhi nel giugno 2017.

Come già comunicato il 22 marzo u.s., l’importo previsto per il 60% di partecipazione è pari a ca. 100 milioni (CHF 110 milioni), che porta Il valore totale (“Enterprise Value”) dell’acquisizione del 100% del gruppo a ca. 136 milioni (CHF 150 milioni).

Eversys, gruppo fondato nel 2009  con sede in Sierre

E’ attivo nella progettazione e commercializzazione di macchine professionali per il caffè espresso, con un focus specifico sui modelli superautomatici, per i quali la società ha sviluppato una tecnologia altamente innovativa che le assicura un posizionamento nella fascia alta del settore di riferimento.

Eversys, che nel 2016 dichiarava vendite per ca. 15 milioni (CHF 17 milioni), ha conseguito nel 2020 ricavi consolidati per ca. 60 milioni (CHF 65 milioni), con un Ebitda adjusted pari a ca. 10 milioni (CHF 12 milioni).

Questo importante sviluppo è stato reso possibile anche grazie al forte legame di collaborazione stretto in questi anni con il Gruppo De’ Longhi

Che ha offerto supporto finanziario, competenze industriali e strutture distributive, tutti fattori essenziali per il rafforzamento dei piani di sviluppo futuri. Nel corso del 2020, inoltre, Eversys ha inaugurato in Svizzera un nuovo stabilimento produttivo all’avanguardia.