Home Catene di caffetterie Dipendenti a ...

Dipendenti a scuola di anti-razzismo, ma Starbucks si comporta così in tutto

Starbucks
Il logo Starbucks

MILANO — La questione razziale balzata agli onori delle cronache dopo la nota vicenda dello Starbucks di Philadelphia è al centro di questa attenta analisi di Breanna Edwards pubblicata dal sito upost.info che vi proponiamo di seguito.

Dopo l’arresto di due uomini di colore in uno Starbucks di Philadelphia semplicemente per esistere, l’onnipresente catena del caffè si è immediatamente fatta avanti, attuando un’azione rapida nel tentativo di combattere il pregiudizio razziale.

Come parte della sua iniziativa per combattere la discriminazione, Starbucks ha chiuso tutti i negozi a livello nazionale il 29 maggio per fornire a oltre 170.000 dipendenti un’educazione razziale.

La catena del caffè ha richiesto il parere e la guida di numerosi esperti nazionali e locali, tra cui Bryan Stevenson, fondatore e direttore esecutivo della Equal Justice Initiative; Sherrilyn Ifill, presidente e consigliere legale del NAACP per la difesa legale e il fondo educativo; Heather McGhee, presidente di Demos; l’ex procuratore generale degli Stati Uniti Eric Holder; e Jonathan Greenblatt, CEO della Anti-Defamation League.

Ma quale sarebbe davvero il cambiamento significativo e rivoluzionario in questo scenario?

Bene, per prima cosa, certamente non sarà una trasformazione immediata, che si verifica allo schiocco del dito. Il 29 maggio è più di una giornata di lancio di qualsiasi altra cosa, parte 1 di un processo di apprendimento in corso per tutti i dipendenti Starbucks.

La società sta lavorando ora per progettare non solo una giornata di formazione, ma un apprendimento multifase per tutti i dipendenti che rivedranno le loro politiche e pratiche e aiuteranno a dotare i dipendenti di conoscenza e consapevolezza dei propri pregiudizi e pratiche comportamentali che possono aiutare a evitare le persone recitando i loro pregiudizi in un modo che ferisce clienti e colleghi “, ha detto McGhee a The Root, aggiungendo:

La chiusura di un giorno dei negozi è un segno della serietà di Starbucks in merito a questo problema. È un messaggio che vogliono inviare ai loro dipendenti e ai loro clienti che stanno prendendo sul serio questo problema, ma sanno come tutti sanno che trasformare veramente un’istituzione in un’istituzione attivamente contro il razzismo richiede tempo. … Siamo stati in dialogo con Starbucks sulle varie fasi del lavoro che devono verificarsi nel lungo periodo.

Sia McGhee che Ifill sono stati contattati individualmente dal fondatore di Starbucks, Howard Schultz, che ha chiesto se sarebbe stato disposto a comportarsi come cassa di risonanza per l’allenamento.

Entrambi hanno concordato, e all’inizio di questa settimana hanno inviato una lettera ai leader della giustizia sociale specificando il loro ruolo nell’aiutare Starbucks a creare un addestramento anti-pregiudizio.

La lettera diceva, in parte:

Mentre né noi né le nostre organizzazioni ci occupiamo di fornire formazione per pregiudizi alle aziende, abbiamo riconosciuto che, in quanto leader afroamericani impegnati a eliminare il razzismo a tutti i livelli nel nostro paese, questo sforzo potrebbe essere un’opportunità importante e potenzialmente trasformativa per affrontare un sfida di lunga data e cronica che le persone di colore hanno affrontato negli alloggi pubblici.

Abbiamo accettato di partecipare pro bono, di offrire il nostro giudizio indipendente e di aiutare a sviluppare un quadro in cui Starbucks e altri attori aziendali possano fornire al proprio personale gli strumenti di cui hanno bisogno per affrontare e affrontare i pregiudizi.

Sappiamo che il problema dei pregiudizi anti-neri e di altre forme di discriminazione non è il solo problema di Starbucks; è un problema profondamente americano, reso consequenziale e spesso letale dalla forza composta di polizie inspiegabili e discriminatorie.

Il problema più grande

Qui è la criminalizzazione di massa della nostra gente, e ciascuno di noi ha chiarito a Starbucks che hanno il privilegio e la responsabilità di influenzare non solo le pratiche dei dipendenti, ma le pratiche di polizia a Philadelphia e in tutto il paese. Continueremo a difendere questo fronte, sia con Starbucks che con la polizia, e accogliamo con favore le vostre riflessioni su come possiamo ottenere il massimo impatto.

Abbiamo accettato di farlo su base pro bono sapendo che siamo organizzazioni indipendenti di giustizia razziale che, più di ogni altra cosa, si preoccupano di far progredire la lotta contro il razzismo istituzionalmente, strutturalmente in America e sanno che c’è una lunga storia di persone di colore che sono esclusi e disumanizzati nei negozi, nei cinema, nei ristoranti, nei luoghi di alloggio pubblico “, ha spiegato McGhee. Lei ha continuato:

Questi luoghi di alloggio pubblico sono ciò che gran parte della battaglia per i diritti civili e per sconfiggere la tendenza. E quella lotta continua ancora oggi. Siamo un’organizzazione politica. E come tale non proponiamo generalmente orientamenti di formazione anti-pregiudizi alle imprese. Tuttavia riteniamo che questo sia un invito a fare qualcosa che potrebbe avere effetti a catena in tutta l’America delle aziende.

Dall’incidente di Starbucks

Abbiamo visto ancora più episodi di persone di colore che sono state maltrattate e maltrattate negli spazi aziendali. Pensiamo che ci sia tempo per stabilire uno standard più elevato e che le corporation utilizzino la loro influenza per plasmare le pratiche di polizia nei loro negozi. E per le aziende americane riconoscere che ha un problema di razzismo, proprio come l’America ha un problema di razzismo.

Starbucks si consulterà inoltre con una vasta gamma di organizzazioni e esperti dei diritti civili. Tra cui la Lega anti-diffamazione, la Conferenza sulla leadership sui diritti civili e umani, UnidosUS e avvocati musulmani. Nonché rappresentanti di gruppi LGBTQ, gruppi religiosi, persone con disabilità e altri.

Quindi, come sarà questo standard e allenamento più elevati?

Ci sono alcuni passaggi fondamentali che qualsiasi organizzazione potrebbe esaminare, ha sottolineato McGhee. Compresa una revisione delle politiche e delle pratiche aziendali e formazione continua. Ma anche sviluppo della leadership per le persone di colore e formazione continua dei dipendenti a tutti i livelli.

Crediamo anche che Starbucks sia in una posizione … per influenzare le pratiche di polizia nei loro negozi e comunità”, ha aggiunto McGhee. “Le imprese hanno molta influenza nelle città attraverso la Camera di commercio, attraverso i loro rapporti con il Consiglio comunale, i sindaci e i commissari di polizia. [Possono anche] fare pressioni per i cambiamenti delle politiche e possono anche stabilire delle linee guida con i capi della polizia locale su come vogliono che la polizia interagisca con le persone per i loro motivi … o quando la polizia viene chiamata in un negozio“.

Indipendentemente dal numero di fasi e di addestramento dei passaggi, Starbucks è determinato a dare l’esempio. Un fatto che non viene perso dagli stessi esperti che l’azienda ha richiesto per l’assistenza.

Molte aziende hanno avuto incidenti come l’incidente di Starbucks, e nessuno ha risposto come ha fatto Starbucks.” Spiegò McGhee. “Siamo chiari che è nostro compito spingerli e renderli responsabili e offrire le migliori pratiche. Ma non avremmo accettato di prestare il nostro tempo e le nostre voci a questo sforzo. Se non fossimo stati colpiti dall’impegno a livello di cuore che la leadership di Starbucks ha su questi temi. Siamo disposti, per i prossimi due mesi, a contribuire a metterli sulla strada giusta. Per soddisfare le loro più alte ambizioni per essere veramente un luogo accogliente per tutte le persone“.

Tuttavia, la formazione non sarà il ruolo che LDF, Demo o altre organizzazioni giocheranno in questo processo. Qualcosa che questi leader stanno sottolineando.

Le altre osservazioni nella lettera

Siamo stati molto chiari, quando abbiamo accettato di assistere a questo processo, che la formazione non è il nostro lavoro. Ci sono esperti brillanti ed esperti in questo campo. Che perfezioneranno ed eseguiranno un curriculum. E, a differenza di noi, hanno fatto carriera in modo contrario alla formazione anti-pregiudizi in una varietà di contesti.

Raccomandiamo a Starbucks una serie di potenziali sociologi. Ma anche facilitatori e consulenti sociali esperti con il tipo di esperienza e rigore richiesto da questo processo.

Stiamo offrendo la nostra guida per informare il processo sulla base dei nostri decenni di esperienza collettiva. Che è stata profondamente impegnata nel lavoro sulla giustizia razziale. Ma anche sulla base della nostra esperienza nel mondo reale sulla lunga storia di pregiudizi nei confronti degli afroamericani. Che cercano di accedere ai servizi nello spazio pubblico.

Abbiamo anche insistito affinché il curriculum polifasico si estendesse oltre il razzismo anti-nero; per includere le identità di gruppo multiple che affrontano la discriminazione.

Il razzismo istituzionale è reale in America

“E le corporazioni sono istituzioni che operano all’interno di sistemi razzisti. Spesso operano, consapevolmente o inconsapevolmente, in modi distorti e razzisti. E credo che il cambiamento politico sia importante a tutti i livelli”, ha osservato McGhee. Che ha aggiunto: “Le aziende hanno un’enorme influenza sull’esperienza vissuta delle persone in America. E non dovremmo ignorare la leva che devono modellare la conversazione nazionale e migliorare la vita delle persone che toccano”