Home Catene di caffetterie Diemme avvia ...

Diemme avvia partnership in Spagna per un nuovo format di caffetterie

sede diemme caffè albignasego
La sede di Caffè Diemme ad Albignasego (Padova)

ALBIGNASEGO (Padova) – Continua l’espansione della Diemme Industria Caffè Torrefatti nel panorama Horeca internazionale. A confermarlo è la nuova partnership intrapresa con Fika Coffee&Food, società di ristorazione con sede a Valencia.

La torrefazione padovana, già nota all’estero per alcuni locali e punti vendita a marchio Caffè Diemme, ha ora avviato anche nella vicina Spagna una collaborazione strategica per lanciare un nuovo format di caffetterie, forte di una storia lunga 90 anni nel settore e di una costante attività di ricerca, che ha portato l’azienda ad evolversi in base ai trend di mercato, senza mai venir meno ai valori fondanti, quali la trasparenza e l’attenzione alla qualità.

Spinta imprenditoriale e sperimentazione

Con una spinta imprenditoriale e un lavoro di supporto all’immagine sempre volto a valorizzare l’esperienza del caffè. Dal punto di vista sia del prodotto, sia del servizio offerto. Perché Diemme è diventata oggi sinonimo di una pausa da concedersi a qualsiasi ora del giorno. E anche di una sperimentazione del gusto da vivere a seconda delle proprie preferenze. Ma in ogni caso basata sulle competenze e sulla passione di chi il caffè lo prepara e produce.

Tutti questi aspetti hanno ispirato la nascita di Fika, portando un gruppo di professionisti del settore Ho.Re.Ca., con un ampio trascorso nel mondo del franchising, ad avviare una nuova catena che crede nel caffè come prodotto chiave per uno sviluppo dell’attuale settore dell’hospitality e della ristorazione.

Il loro obiettivo?

Offrire al cliente finale la migliore tazza di caffè, comunque sia estratta, in un ambiente accogliente e di personalità.

La collaborazione con l’azienda padovana ha però radici profonde, che vanno oltre un semplice rapporto di fornitura.

Tutti i responsabili di FIKA hanno visitato la sede e i locali della Diemme, formandosi sull’intera filiera del caffè – dal chicco alla tazzina – e sulle nuove tendenze, tra cui le estrazioni alternative all’espresso: una filosofia di condivisione del know-how che l’azienda mira oggi a coltivare tanto con i partner, quanto con il consumatore finale.