Home Affari & Mercati De’Long...

De’Longhi, approvato il bilancio del 2020 dal Consiglio di amministrazione

E' stata approvata la distribuzione di un dividendo di € 0,54 per azione, per un importo totale di € 80,8 milioni, pagabile a partire dal 26 maggio 2021, con stacco cedola il 24 maggio e con la c.d. record date ex art. 83-terdecies del D. Lgs. n. 58/98 al 25 maggio, pari ad un pay-out ratio del 40,4% dell’utile netto consolidato di Gruppo

De'Longhi Misure esatte
Il logo De'Longhi

MILANO – L’Assemblea degli azionisti, riunitasi in data odierna in sessione ordinaria: ha approvato il bilancio dell’esercizio 2020, confermando così i dati approvati dal Consiglio di amministrazione del 11 marzo 2021: nei dodici mesi, il Gruppo De’Longhi ha conseguito:

– ricavi netti normalizzati 1 per € 2.368,1 milioni, in crescita del 12,4% (14,3% a livello
organico);
– un Ebitda adjusted 3 normalizzato pari a € 383,3 milioni, in crescita del 27,6% e pari al
16,2% dei ricavi, con un miglioramento di 1,9 punti percentuali rispetto all’anno
precedente;
– un risultato operativo (Ebit) normalizzato di € 278,8 milioni, in crescita del 29,1% e pari
all’11,8% dei ricavi;
– un utile netto di € 200,1 milioni, in crescita del 24,3%, pari all’8,5% dei ricavi;
– una posizione finanziaria netta4 attiva per € 232 milioni, ovvero € 561,3 milioni pre-
acquisizione di Capital Brands Holdings; al netto dell’operazione Capital Brands e dei dividendi distribuiti (€ 80,8 milioni) il Gruppo ha generato un flusso di cassa pari a € 364,3 milioni.

De’Longhi, il Consiglio ha approvato un dividendo di € 0,54 per azione:

E’ stata approvata la distribuzione di un dividendo di € 0,54 per azione, per un importo totale di € 80,8 milioni, pagabile a partire dal 26 maggio 2021, con stacco cedola il 24 maggio e con la c.d. record date ex art. 83-terdecies del D. Lgs. n. 58/98 al 25 maggio, pari ad un pay-out ratio del 40,4% dell’utile netto consolidato di Gruppo;

Ha approvato la Politica di Remunerazione per l’esercizio 2021 ed espresso parere favorevole sui compensi corrisposti nell’esercizio 2020; infine, ha rinnovato l’autorizzazione all’acquisto e disposizione di azioni proprie.