lunedì 16 Maggio 2022

Cultivar:” Typica rende più facile raggiungere un crescente gruppo di piccoli torrefattori anche in Italia”

La fondatrice di Cultivar: "Dal punto di vista dei fornitori, è fantastico che Typica abbia creato una forte rete con molti torrefattori di piccole dimensioni in Giappone e ora anche in un numero sempre maggiore di altri paesi."

Da leggere

MILANO – Abbiamo già presentato la rivoluzionaria piattaforma Typica, fondata da due giapponesi e aperta al mercato internazionale, per essere il collegamento diretto tra coltivatori e micro torrefattori. Il progetto è ambizioso, lo abbiamo analizzato prima dal punto di vista degli ideatori e ora attraverso le parole dell’azienda supplier Cultivar che ha aderito alla rete: un’impresa nata per supportare e accelerare il potenziale dei piccoli coltivatori e per facilitare i rapporti commerciali a lungo termine tra loro e i torrefattori. È stata fondata da Lisanne Oonk e Theadros Mellink, mentre César Garcìa Fernández lavora allo sviluppo del business, e il nostro team di professionisti in Perù sono Dreyde Delgado, Goti Chavez, Dula Julcarima e Susana Contreras.

Come ha fatto Cultivar a scoprire Typica?

“Ci siamo conosciuti tramite Instagram quando Ayane e io (Lisanne) abbiamo iniziato a scriverci dei messaggi privati tramite l’applicazione. Mentre parlavamo, ci siamo presto rese conto che le nostre visioni e i nostri obiettivi erano molto allineati. Poi, per una vera coincidenza, abbiamo scoperto che avevamo entrambi base ad Amsterdam, e potevamo quindi facilmente incontrarci di persona.

Abbiamo iniziato subito a collaborare, giusto in tempo per il raccolto 2020. Il nostro secondo incontro è stato durante un cupping dell’offerta di micro lotti del raccolto 2020.”

Quali sono i vantaggi effettivi dell’abbonamento a questa piattaforma?

La fondatrice di Cultivar: “Dal punto di vista dei fornitori, è fantastico che Typica abbia creato una forte rete con molti torrefattori di piccole dimensioni in Giappone e ora anche in un numero sempre maggiore di altri Paesi. La piattaforma e l’automazione degli ordini, ecc., rendono molto più facile raggiungere un crescente gruppo di piccoli torrefattori. Ci piace molto l’idea che chiunque sia interessato a ciò che il Perù ha da offrire, possa accedere ai caffè che ama, anche se si tratta di quantità molto ridotte.

Dal punto di vista di un torrefattore, posso immaginare che la piattaforma fornisca accesso a un’ampia gamma di origini in un modo molto centralizzato, che è conveniente ed efficiente. ”

Il contatto diretto con i coltivatori non pone altri problemi logistici? Ad esempio, il trasporto del sacco da 60 kg e del suo contenuto: chi lo controlla, garantendo sicurezza e qualità?

Lisanne, Cesar e il team durante un momento di assaggio e cupping

“C’è un intero mondo dietro l’acquisto di un sacchetto di caffè, qualcosa di cui molte persone difficilmente si rendono conto. Prima che un coltivatore offra un sacchetto di caffè, c’è un lungo processo per conoscersi, visitare la fattoria, fornire informazioni e dare consulenza ove necessario, investendo nella relazione e costruendo un rapporto di fiducia reciproca. Tutto questo richiede tempo e va fatto con attenzione. E’ un investimento, e talvolta c’è il rischio che la collaborazione con una famiglia contadina non funzioni come sperato (per qualsiasi motivo valido).

All’inizio della stagione (da maggio in poi), gli agricoltori si recano al nostro magazzino con i campioni per l’analisi, quindi dall’inizio della raccolta, diamo un feedback sulla loro qualità. E poi, quando inizia davvero il raccolto principale, gli agricoltori portano i loro sacchetti con caffè pergamenato al nostro magazzino in piccole quantità durante i mesi di questa fase.

Ogni consegna, anche di soli 30 o 60 chili, viene meticolosamente monitorata in termini di qualità; misuriamo l’umidità, assistiamo nell’asciugatura in caso sia necessario, facilitando lo spazio di asciugatura intorno al nostro magazzino e classifichiamo e giudichiamo la qualità fisica del caffè verde, assaggiandolo più volte.

Paghiamo sempre i nostri agricoltori partner direttamente quando consegnano il caffè e una volta determinata la qualità nel nostro reparto apposito. Maggiore è il punteggio del chicco e del cupping, maggiore è il prezzo per cui possiamo impegnarci a dare in anticipo. La maggior parte di questi agricoltori ha costi di manodopera elevati durante il raccolto e non ha accesso ai prestiti, quindi c’è l’onnipresente pressione per comprare e pagare gli agricoltori il giorno in cui arrivano al magazzino con i loro sacchetti di caffè. Ci lasciano il caffè, ne prendiamo un campione e si parte subito al controllo qualità, non c’è tempo da perdere.

Tutto questo comporta rischi e responsabilità finanziarie da parte nostra, che ci rendiamo conto che qualcuno deve assumersi per portare caffè di qualità al consumatore finale. La bellezza di lavorare a lungo termine con gli stessi coltivatori e partner torrefattori è il crescente senso di responsabilità che tutti i membri della catena di partenariato/valore sentono nell’affrontare le principali sfide che devono affrontare i piccoli agricoltori, e tra le sfide chiave c’è la mancanza di flusso di cassa/accesso finanziare per i piccoli agricoltori che spesso porta ad avere prendere decisioni sfavorevoli per loro nella vendita dei loro caffè.

La nostra ambizione è condividere le nostre conoscenze sull’approvvigionamento e sul lavoro nelle piccole filiere con i nostri partner torrefattori, in modo da poter giungere insieme a soluzioni a lungo termine e condividere l’impegno. Questo è il vero valore aggiunto delle collaborazioni commerciali dirette”.

Cultivar, come avviene l’acquisto? C’è una fase di selezione con campionamento?

“Per ogni singola consegna di caffè, non importa quanto grande sia la dimensione del lotto, analizziamo i chicchi di caffè e restituiamo questi risultati ai coltivatori di caffè. Entro la fine della raccolta, e dopo la fresatura e la preparazione per l’esportazione, tutti i caffè sono stati ripetutamente assaggiati prima di iniziare il loro viaggio all’estero.”

Theadros lavora con il team allo stocking del caffè

Come Cultivar, consigliereste ad altri produttori di caffè di aderire a questo progetto?
“Come Cultivar non siamo agricoltori noi stessi, ma stiamo lavorando con quei piccoli produttori che hanno il potenziale per offrire caffè eccellenti. Questi coltivatori hanno un grande potenziale in termini di qualità, ma non hanno accesso a informazioni, tecnologia e mercati, mezzi di comunicazione, e talvolta anche le infrastrutture/tecnologie per la produzione e la lavorazione degli specialty coffee. E, ultimo ma non meno importante: non hanno i mezzi per finanziare i loro caffè.

E questo è fondamentale per capire perché un piccolo agricoltore da solo non prenota e carica un micro lotto su nessuna piattaforma online e neppure attenderebbe 2-3-4 mesi prima che venga venduto. Per un ricco proprietario immobiliare, o un coltivatore di caffè della classe media benestante, questa storia è in qualche modo diversa, perché potrebbero contare su del capitale interno o sull’accesso a prestiti a prezzi accessibili per coprire il divario di cassa nel raccolto. Rappresentano una piccola percentuale dei produttori mondiali di caffè.

Gli agricoltori concentrano la maggior parte delle spese (manodopera) durante la stagione della raccolta del caffè: devono pagare le persone che raccolgono le ciliegie del caffè e il loro cibo. Quindi tutti i piccoli coltivatori di tutto il mondo affrontano l’urgenza di vendere il loro caffè velocemente durante il raccolto. Non sono nella posizione privilegiata per creare uno stock nelle loro fattorie e vendere il caffè in un momento conveniente, una volta trovato un buon acquirente.

Gli agricoltori vendono subito il loro caffè perché hanno bisogno di contanti velocemente per continuare a pagare gli alti costi di raccolta. In caso contrario, non ci saranno risorse per pagare la manodopera e raccogliere il caffè. Così tutto il resto del raccolto andrebbe sprecato.

cultivar
César Garcia, Dreyde Delgado, Theadros Mellink, Lisanne Oonk, Goti Chavez

Quindi in breve, di seguito alcune importanti barriere per i piccoli agricoltori nel lavorare con una piattaforma online: 1) lingua: gli agricoltori parlano spagnolo ma un certo numero è analfabeta o ha scarse competenze di alfabetizzazione. 2) il fatto che un agricoltore deve avere uno smartphone o un computer e sapere come usarli. 3) praticamente nessuno dei nostri allevatori ha accesso a internet. Ma nel complesso vediamo che la barriera principale è 4) gli agricoltori devono affrontare una mancanza di finanziamenti e devono rispondere alla forte pressione di fare cassa nei mesi del raccolto.

Con Cultivar in Perù aiutiamo gli agricoltori acquistandoli e pagandoli direttamente in contanti per ogni piccola quantità di caffè che portano al nostro magazzino durante la raccolta. Lo facciamo per 3-4 mesi fino a quando non abbiamo abbastanza per mettere insieme queste piccole quantità e trasformarle nei micro lotti finali. Questo processo non è privo di rischi o pressioni finanziarie per noi, ma sappiamo che questo è l’unico modo per aiutare gli agricoltori ad accedere al mercato degli specialty.

E Typica apre così tante opportunità per raggiungere torrefattori di dimensioni più piccole in un click, in tutto il mondo. Riteniamo che la piattaforma abbia l’enorme potenziale per unire tutti gli attori della value chain, condividere storie ed educare sulle complesse realtà dietro al collegamento tra agricoltore e consumatore. Abbiamo la stessa visione di trasformare le catene di approvvigionamento attraverso la tracciabilità, la trasparenza e le collaborazioni. E speriamo davvero che la piattaforma possa svolgere un ruolo cruciale nell’affrontare le sfide nella filiera.

Questa è una lunga introduzione a una risposta più breve, ma era necessario farla. La risposta è sì, vorremmo che più nostri partner agricoltori fossero collegati ai torrefattori attraverso la piattaforma Typica”.

L’assistenza di Typica in caso di problemi, come funziona?

Cultivar: “Questo sarà il secondo anno in cui lavoreremo con Typica. L’anno scorso, tutto è andato alla perfezione e sappiamo che Typica è un partner affidabile. Se ci sono problemi di qualità fino al momento della spedizione e quando vendiamo il caffè FOB, allora è nostra responsabilità arrivare a una soluzione/alternativa per far sì che tutti siano d’accordo. Nel caso accada qualcosa dopo invece, Typica sarà il proprietario e quindi il responsabile del caffè. Questa è la divisione ufficiale di rischio/controllo qualità. Ma in realtà abbiamo gli stessi obiettivi e come buoni partner confido che penseremo sempre insieme a soluzioni e ci aiutiamo a vicenda ogni volta che possiamo. ”

E’ un modo per imporre il prezzo sul mercato?

Conclude Lisanne: “Sì e no. Penso che nessuno possa imporre alcun prezzo in ogni caso, perché si tratta di trovare un equilibrio tra la domanda e l’offerta, con il sostegno dall’educazione/sensibilizzazione degli attori del commercio, Per fortuna ci troviamo a operare all’interno di un mercato di caffè di qualità e per questi prodotti i torrefattori sono disposti a pagare prezzi più alti (rispetto al caffè commerciale i cui prezzi sono dettati dal mercato di New York C). Quindi, il segmento degli specialty, conferisce già una certa stabilità in termini di prezzo.

Quando ci impegniamo a lavorare con un agricoltore, sottolineiamo l’importanza di questa stabilità che deriva dall’impegno e la relazione. Se chi compra sa perché un prodotto ha un certo costo di produzione e hanno un legame personale con le persone coinvolte, le loro richieste possono cambiare nel tempo – e così i prezzi, ma è anche vero che ci sono molteplici fattori esterni che giocano un ruolo nel determinare il prezzo finale di un caffè da un anno all’altro.”

Per saperne di più su Cultivar, visitare il loro sito web qui.

Ultime Notizie