venerdì 01 Marzo 2024
  • CIMBALI M2
  • Triestespresso

Cristina Scocchia, illycaffè: “Puntiamo all’espansione in Cina, Usa e Europa ma non in Germania per la tassa sul caffè”

Il prossimo passo per l'azienda, afferma l'amministratore delegato, sarà quello di puntare alla Cina, un paese dove notoriamente si consuma più tè che caffè ma che, grazie a nuovi partner commerciali, potrebbe ora far aumentare le vendite al brand triplicandole entro il 2026

Da leggere

Dalla Corte
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

Cristina Scocchia, amministratore delegato illycaffè, è stata presa come esempio dal quotidiano Frankfurter Allgemeine Zeitung che ne elogia non solo la figura professionale ma anche la politica aziendale e le mire espansionistiche che si riflettono nel Gruppo. Per saperne di più leggiamo di seguito la prima parte dell’articolo di Valentina Simonetti del quotidiano Il Sussidiario.

L’espansione di illycaffè all’estero

TRIESTE – illycaffè è la più grande azienda produttrice di caffè al mondo con un fatturato di circa 570 milioni di euro, ed una delle poche industrie con a capo una donna. Cristina Scocchia, ceo del gruppo ha accettato la sfida portando il prodotto che considera “il miglior caffè del mondo” in moltissimi paesi.

Triestespresso

Ora si punta principalmente agli Stati Uniti, principale mercato di caffè a livello internazionale, che ha contribuito a sostenere l’aumento dei costi di produzione, non solo per i prezzi più alti della materia prima, ma anche per quelli degli imballaggi e dei trasporti.

Il prossimo passo, afferma Scocchia, sarà quello di puntare alla Cina, un paese dove notoriamente si consuma più tè che caffè ma che, grazie a nuovi partner commerciali, potrebbe ora far aumentare le vendite al brand triplicandole entro il 2026.

Repa

Altro obiettivo di espansione è l’Europa, con una piccola nota negativa, come sottolinea anche il quotidiano Frankfurter Allgemeine Zeitung, rappresentato proprio dalla Germania, dove vige ancora una tassa sul caffè che ammonta a 2,19 euro per chilogrammo, che inevitabilmente comprime i margini di profitto.

Per leggere la notizia completa basta cliccare qui

CIMBALI M2
  • TME Cialdy Evo
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie

  • Water and more
  • IMF
Carte Dozio
Mumac