Home Cacao & Cioccolato Colussi punta...

Colussi punta alla Pernigotti e guarda a un polo piemontese del cioccolato con La Suissa

Angelo Colussi

MILANO – Angelo Colussi vuole costruire un polo del cioccolato piemontese partendo dal marchio La Suissa, da poco acquisito. Ed è disponibile ad approfondire le soluzioni per il cioccolato Pernigotti, il cui futuro però appare sempre molto incerto. L’ambizioso progetto è illustrato in un’intervista concessa al Corriere Economia. “Il nostro – spiega Colussi sull’inserto del lunedì del Corriere – potrebbe essere un progetto industriale e italiano per il brand del cioccolato. Vedremo se ci saranno le condizioni”.

Sessantotto anni, proprietario del gruppo Colussi di cui è presidente esecutivo, Angelo Colussi è esponente della quarta generazione di imprenditori che nel 1911 aprirono un forno per pane e biscotti a Venezia, per poi trasferire l’attività in Umbria, dove è tuttora presente con lo stabilimento di Torgiano (Perugia).

Colussi punta a “facilitare le aggregazioni di realtà locali del cioccolato: con La Suissa giocheremo di sponda con i nostri brand per valorizzare il prodotto. Ci proponiamo come polo dolciario, (quello del cioccolato) è un mercato frammentato, animato da piccole realtà che avrebbero bisogno di mettersi insieme”.

CARTE DOZIO
FRANKE

Intanto il gruppo alimentare punta a crescere investendo sui marchi in portafoglio

Colussi Group riunisce alcuni brand noti della tradizione alimentare italiana: Colussi, Misura, Agnesi, Flora, Sapori 1832. E distribuisce due marchi di primo piano a livello internazionale – Liebig e Del Monte.

Nel 2018, il Gruppo Colussi ha registrato 305 milioni di ricavi consolidati, il 31% viene dall’estero. Come si legge nell’articolo, le risorse saranno puntate sulla Russia, dove Colussi è il secondo produttore di pasta dopo Makfa, un produttore locale.

Qui Colussi investirà 55 milioni per raddoppiare a 200 mila tonnellate la produzione annuale venduta con i marchi Shebekinski e Maltagliati (che Colussi possiede solo in Russia) e Zara (in licenza nel paese).

In Messico invece la società sta realizzando una joint venture che va oltre la pasta e riguarda tutti i marchi del gruppo (Misura – con cui il gruppo Colussi ha anticipato il trend salutista nell’alimentazione e catturato i consumatori più giovani – ha per esempio già conquistato i supermercati Walmar con prodotti creati ad hoc).

Mentre nel Sud Est asiatico (Thailandia, Cina e India) il gruppo Colussi svilupperà anche piatti pronti e salutistici a marchio Misura.

L’obiettivo è di arrivare a quota 350 milioni di ricavi e portare la redditività a 45 milioni dai 38 di fine 2018

“Investendo e crescendo, sposando la tradizione con l’innovazione alla fine sono riuscito a consegnare l’azienda, che ha 108 anni di storia, alla quinta generazione”, dice l’imprenditore. Tre dei suoi quattro figli (il quarto, Federico, ha 12 anni) sono già in azienda. Giulia, 39 anni, avvocato, lavora nell’area legale, Camilla (38) si occupa di ricerche di mercato, Giacomo (33) cura le joint venture all’estero e in questa fase è impegnato sul fronte messicano.