Home Cacao & Cioccolato Colussi si ma...

Colussi si mangia il cioccolato di La Suissa e punta a sinergie produttive

Lo stabilimento di La Suissa ad Arquata Scrivia (Alessandria)

MILANO — Gruppo Colussi entra nel mondo del cioccolato rilevando il pacchetto di maggioranza di La Suissa, storico brand piemontese fortemente legato alla realtà e alle tradizioni del suo territorio. Con questa operazione, il colosso dei biscotti punta ad allargare il proprio portafoglio prodotti.

E a fare leva così sulle sinergie produttive e commerciali tra le due società per favorire la crescita di La Suissa sui mercati internazionali.

Fondata nel 1981, La Suissa è una società specializzata nella produzione, principalmente a marchio proprio, di cioccolatini (sfusi, in buste o confezioni), barrette e uova di cioccolato.

La produzione è concentrata nello stabilimento di quasi 10.000 mq di Arquata Scrivia (Alessandria). L’export raggiunge il 35% e il fatturato consolidato nel 2018 è stato di quasi 17 milioni, segnando una costante crescita a doppia cifra; con un Ebitda margin superiore al 20%.

Colussi, fondata a Venezia nel 1911 e con sede a Milano, è tra i leader europei nella produzione di prodotti da forno e pasticceria, pasta, riso e snack salutistici che sono commercializzati con i marchi Colussi, Misura, Agnesi, Flora, Sapori 1832 e Pastificio Plin.

Nel 2018 il gruppo Colussi ha conseguito ricavi per oltre 300 milioni con una quota export superiore al 30% del fatturato.

Nell’operazione Colussi ha avuto l’assistenza di Brera Financial Advisory per gli aspetti finanziari; con un team composto da Andrea Pagliara e Alessandro Estatico. E di Pwc per la due diligence fiscale e finanziaria.

Alto Partners e La Suissa sono stati assistiti da Vitale & Co per gli aspetti finanziari; con un team composto da Alberto Gennarini, Valentina Salari, Raffaele Ciccarelli e Azzurra Bisogno.