Home Notizie California: l...

California: la legge vieta bevande zuccherate ai bimbi e le cannucce di plastica

Nelle premesse alla legge, ne vengono spiegate le motivazioni.Sottolineando che dal 1990 al 2016 il tasso di obesità in California è aumentato del 250%.

california

MILANO – Negli Usa si procede con la linea dura per orientare i cittadini verso un’alimentazione più sana. Un circolo virtuoso che colpisce un prodotto tanto amato dagli americani, le bevande zuccherate. Ma non ci si ferma qui: il rispetto del proprio organismo va a braccetto col quello per l’ambiente. Due leggi sono state appena approvate in tal senso, in California.

Il primo Stato Usa a introdurre due nuovi divieti parziali per i ristoranti, uno riguardante i menu per i bambini e l’altro le cannucce di plastica.

California a tutela dei consumatori e dell’ambiente

Per quanto riguarda il primo tema, la normativa vieta ai ristoranti di includere bevande zuccherate nei menu destinati ai bambini; che nelle opzioni base potranno prevedere solo acqua, senza aggiunta di dolcificanti naturali o artificiali, latte o bevande vegetali che non contengano più di 130 calorie.

WEGA
MAZZER

Il divieto però non è totale

Perché su richiesta degli adulti che accompagnano i bambini ai ristoranti potranno sostituire le bevande offerte nei menu con altre, anche zuccherate.

Il nuovo regolamentoè stato proposto dal democratico Bill Monning. Poi approvato definitivamente dal Senato californiano con 29 sì e 9 no, fa della California il primo Stato Usa ad adottare questa disposizione. Finora era stata decisa solo da alcuna città, di cui l’ultima e la più grande è stata Baltimora.

Nelle premesse alla legge, ne vengono spiegate le motivazioni

Sottolineando che dal 1990 al 2016 il tasso di obesità in California è aumentato del 250%. Mentre l’aumento generale è stato maggiore dal 1990 al 2003. Le tendenze recenti indicano un continuo aumento dell’obesità tra i bambini. Nel 2009, il 10,9% dei bambini di età compresa tra zero e cinque anni e il 12,2% di quelli tra 6 e 11 anni erano in sovrappeso.

Nel 2015, la percentuale di bambini in sovrappeso o obesi è aumentata in entrambi i gruppi: 13,7% per i bambini da zero a cinque anni e 16% per quelli tra 6 e 11 anni.

Inoltre, viene evidenziato come molte famiglie non abbiano il tempo sufficiente per preparare cibi sani. Rendendo la ristorazione un’opzione accattivante e spesso necessaria.

A livello nazionale, i bambini americani consumano il 25% delle loro calorie nei fast food e in altri ristoranti. Dove consumano quasi il doppio delle calorie rispetto a quando mangiano a casa.

Per quanto riguarda le cannucce

La legge è stata proposta dal democratico Ian Calderon e approvata con 45 sì e 20 no dall’Assemblea dei deputati. Essa prevede che le cannucce di plastica non possano essere servite nei ristoranti.

A meno che i clienti le richiedano esplicitamente. La portata del divieto, tuttavia, è significativamente ridotta dal fatto che esso si applica solo ai ristoranti con servizio completo al tavolo. Quindi ne sono esclusi i fast food.

Non un divieto totale ma solo di una limitazione

Ciò ha indotto le associazioni dei ristoratori e dei produttori di plastica a non fare una forte opposizione al provvedimento, pur non condividendolo. Anche perché la tendenza del mercato va già autonomamente verso l’eliminazione delle cannucce di plastica. Come dimostra la recente decisione di Starbucks.

Infatti, dal 2020 la catena di caffetterie statunitense eliminerà le cannucce di plastica .Evitandone l’immissione sul mercato di oltre un miliardo l’anno, da tutti gli oltre 28 mila negozi in tutto il mondo, e adotterà un nuovo tappo per le sue bevande, che ne renderà superfluo l’utilizzo.

Le cannucce saranno disponibili su richiesta dei clienti che le desidereranno. Ma saranno realizzate con materiali alternativi, come carta e plastica compostabile.