Home Cultura Dentro la caf...

Dentro la caffettiera napoletana: ecco come funziona il cuore partenopeo

La particolarità della caffettiera napoletana è il serbatoio della bevanda. Esso è infatti dotato di un beccuccio che, in fase di preparazione, è voltato verso il basso e non verso l’alto, per poi tornare verso il basso al momento di servire il caffè

caffettiera napoletana
La Cuccuma napoletana

NAPOLI – La pandemia ha costretto tutti a vivere dentro casa, riscrivendo molte delle nostre abitudini quotidiane, compreso il rito della tazzina. Il consumo domestico è tornato a primeggiare e insieme ad esso, sono tornate al loro antico splendore due strumenti molto cari agli italiani: la moka e la caffettiera napoletana, o cuccuma. Leggiamo la storia di quest’ultima, dal sito casanapoli.net, di Antonio Miele.

Caffettiera napoletana (cuccumella)

A differenza della moka, non fa uso della pressione generata dal vapore per spingere l’acqua attraverso il caffè, bensì esclusivamente della forza di gravità.

Inventata dal francese Morize nel 1819, si è poi diffusa in tutta Italia come strumento utilizzato per la preparazione casalinga del caffè. A partire da circa la metà del XX secolo è stata gradualmente soppiantata dalla più moderna caffettiera moka, brevettata da Alfonso Bialetti, di più veloce e facile utilizzo.

È comunque ancora prodotta nel suo aspetto tradizionale e anche in più moderne tipologie di design. Prodotta, in origine, in rame, dopo il 1886 il materiale con cui è prodotta nella versione tradizionale diventa l’alluminio. Ne vengono prodotti comunque modelli anche in acciaio, che si possono utilizzare anche sulle piastre ad induzione.

La caffettiera napoletana è formata da cinque elementi che si montano a incastro tra di loro

Il serbatoio dell’acqua, dotato di una maniglia dritta o ricurva e di un piccolissimo foro di troppo pieno posto in alto sul lato. Poi, il contenitore del caffè, con forma di cilindro cavo,con l’ultima parte esterna filettata, al fine di avvitarvi il filtro.

Il serbatoio del caffè si alloggia a incastro dentro il serbatoio dell’acqua e il filtro, che trattiene la polvere del caffè ed evita che resti in sospensione nella bevanda finale, si avvita sul contenitore del caffè.

Il serbatoio della bevanda, provvisto di beccuccio, da cui esce il caffè che si è formato per il passaggio dell’acqua bollente attraverso la polvere, mediante gravità. La particolarità della caffettiera napoletana è il serbatoio della bevanda. Esso è infatti dotato di un beccuccio che, in fase di preparazione, è voltato verso il basso e non verso l’alto, per poi tornare verso il basso al momento di servire il caffè.

Come per la moka, le dimensioni variano a seconda della quantità di caffè che si desidera ottenere; la capienza della caffettiera si misura in tazze o in persone.
Con la caffettiera smontata, si pone l’acqua nella caldaia fino a raggiungere un livello di circa cinque millimetri al di sotto del foro per l’uscita del vapore.

Il caffè in polvere, macinato più grosso rispetto a quello per la moka, senza pressarlo, va messo nel contenitore apposito

Si avvita il filtro sul contenitore del caffè. Poi si incastra il contenitore del caffè con il filtro avvitato sul serbatoio pieno dell’acqua. Dopo si posiziona il serbatoio del caffè su quello dell’acqua.

Infine, si pone la caffettiera su un fuoco non troppo vivo (che non esca dal diametro della caffettiera).

Quando l’acqua giunge all’ebollizione, è giunto il momento di prendere saldamente la caffettiera per i due manici e capovolgerla. Il serbatoio dell’acqua si viene così a trovare sopra quello che raccoglie il caffè.

L’acqua scende quindi per effetto della forza di gravità, passa attraverso il serbatoio del caffè e il filtro e si raccoglie nel serbatoio

Da qui il caffè verrà versato nelle tazzine grazie al beccuccio, che, dopo aver voltato la caffettiera, ha assunto il verso corretto e cioè verso l’alto. Il tempo di “discesa” completa dell’acqua varia dai cinque ai dieci minuti.

Per meglio conservare l’aroma del caffè mentre questo scende nell’apposto serbatoio, è suggerito dalla tradizione napoletana l’utilizzo del cuppetiello, ossia un piccolo pezzo di carta piegato a forma di cono posto a coprire il foro del beccuccio, da togliere al momento di versare il caffè.