Home Caffè Torrefattori Caffè Milani ...

Caffè Milani entra in Alibaba e anche in nuove catene in Cina

Nel mondo del caffè dei Paesi orientali il made in Italy è particolarmente ricercato e la scelta ricade su brand con una forte tradizione, serietà e qualità dei prodotti come Caffè Milani, che ha visto l’apertura a Taiwan e Hong Kong dei primi punti vendita della catena Caffè Milani shops e a breve quello del Giovanni Pina’s cake shops, al cui interno protagonisti della caffetteria sono i prodotti della Torrefazione di Lipomo

caffè milani
Caffè Milani in Cina

LIPOMO (Como) – Dal prossimo gennaio Caffè Milani fa il suo ingresso su Alibaba, il più grande e-commerce al mondo, che con la sua piattaforma BtoB mette in contatto 18 milioni di buyer in 190 Paesi. Un passo reso necessario dal venire meno di fiere ed eventi a livello mondiale, e dal desiderio di dare il via a nuovi interscambi commerciali, al cui interno la piattaforma cinese è prima al mondo, con un fatturato nell’anno fiscale 2020 di un trilione di dollari.

Caffè Milani sul mercato B2B

«Abbiamo deciso di fare in nostro ingresso in Alibaba perché desideriamo fare conoscere la nostra realtà e i nostri prodotti a un mercato BtoB con buyer attenti alla qualità e interessati a concetti di esclusività, personalizzazione e al made in Italy, che la nostra azienda può offrire» – dichiara Pierluigi Milani, titolare della Torrefazione di Lipomo.

Sulla piattaforma Milani avrà un proprio sito con la storia aziendale, la sua produzione e i prodotti suddivisi in 5 macro-aree: Caffè in grani (miscele), Caffè macinato (monorigini e miscele), Caffè in capsule compatibili Nespresso (monorigini e miscele), Caffè in capsule Espresso System Milani (monorigini e miscele), Cialde (monorigini e miscele).

Tra Taiwan e Hong Kong

Frattanto il mercato delle caffetterie nell’Asia orientale cresce, nonostante le difficoltà legate al Covid. I tre mercati più grandi, Corea del Sud, Cina e Giappone hanno registrato una crescita rispettivamente dell’8,3%, 2,9% e 2,3% (dato Allegra-2020). Oggi la Cina è al 17° posto tra i Paesi consumatori di caffè e negli ultimi 10 anni è cresciuta in media del 16%, contro il 2% mondiale (dato Ico). La forza trainante sono soprattutto i giovani abituati a viaggiare che, di ritorno dagli studi o da viaggi d’affari all’estero, portano con sé la nuova abitudine di bere caffè al bar; una consuetudine che si sta diffondendo nella classe media.

Nel mondo del caffè dei Paesi orientali il made in Italy è particolarmente ricercato e la scelta ricade su brand con una forte tradizione, serietà e qualità dei prodotti come Caffè Milani, che ha visto l’apertura a Taiwan e Hong Kong dei primi punti vendita della catena Caffè Milani shops e a breve quello del Giovanni Pina’s cake shops, al cui interno protagonisti della caffetteria sono i prodotti della Torrefazione di Lipomo.

Come sempre all’avanguardia Caffè Milani ha aperto un nuovo capitolo della propria strategia commerciale dedicato alla Cina

Che segue con l’attenzione e l’agilità richieste dal più grande mercato in crescita nel mondo.

Seguite Caffè Milani sul sito www.caffemilani.it e sui social media.