Home Caffè Torrefattori Il torrefatto...

Il torrefatto italiano è sempre più da esportazione, ma adesso grava l’incognita del Coronavirus

esportazione
L'export italiano di caffè tocca nuovi livelli record

MILANO – Un’industria italiana del caffè sempre più formato esportazione, che compensa con vendite record all’estero i volumi in calo sul mercato interno. È la fotografia che scattano i dati sull’import ed export di caffè, che ci sono stati forniti dal dottor Antonio Mignone, ricavati dalle statistiche più aggiornate.

Nei primi 11 mesi dell’anno solare 2019, il nostro paese ha importato il volume, senza precedenti, di 10.208.189 sacchi di caffè in tutte le forme, con un incremento dell’1,84% rispetto al pari periodo del 2018.

L’import di caffè verde è in crescita dello 0,66% a 9.562.955 sacchi.

L’import di caffè verde decaffeinato scende invece a 23.636 sacchi (-4,54%). Salta agli occhi il forte incremento delle importazioni di caffè torrefatto, che aumentano di quasi un terzo (+32,22%). E raggiungono il ragguardevole volume di 326.445 sacchi.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.