Home Caffè Torrefattori Hag-Splendid:...

Hag-Splendid: continua la mobilitazione, mercoledì 3 ottobre il tavolo in Regione

TORINO – Caffè e deca serviti in piazza per sensibilizzare i torinesi su un pezzo di made in Italy che se ne va: la mobilitazione dei dipendenti dello stabilimento Jde di Andezeno – dove si produce il caffè Hag e Splendid – è proseguita martedì 2 ottobre con un presidio davanti alla sede del Consiglio Regionale del Piemonte.

I lavoratori hanno piazzato un tavolino e una macchinetta di fronte a Palazzo Lascaris, offrendo e distribuendo a tutti i passanti caffè preparato con le confezioni di macinato dei due celebri marchi.

“Il significato dello sciopero è di berci insieme l’ultimo caffè italiano” dice Manuela Vendola della Uila. A conferma di questo concetto, è stato esibito lo striscione “Addio made in Italy”.

MAGAZZINI DEL CAFFE’
HOST

La settimana scorsa, la multinazionale olandese ha comunicato di punto in bianco la chiusura della fabbrica.

Una decisione improvvisa e inattesa

“Pochi giorni fa avevamo festeggiato i mille giorni senza infortuni, parliamo di un’azienda che fa utili, non potevamo immaginare una situazione del genere” ha dichiarato Denis Vayr di Cgil Flai.

“Lo stabilimento di Andezeno chiude – spiega Andrea Errico, delle Rsu del gruppo – dopo 60 anni di attività e lasciando a casa 57 dipendenti. E tutto questo pur avendo utili, con la sola scusa di trasferire tutto all’estero in altri stabilimenti europei dal gennaio 2019. Eppure qui sono nati prodotti come il Caffè Hag e Splendid, che in futuro non saranno più italiani”.

Il paradosso – conclude Errico – è che “il caffè Hag sarà prodotto all’estero ma venduto sul mercato italiano”.

Alle 13 i lavoratori hanno avuto un incontro con i gruppi consiliari. Nel pomeriggio, alle 15, il presidio si è spostato davanti alla sede dell’Unione Industriale, dove è stata avviata la discussione tra sindacati-azienda.

Protesta e solidarietà

Davanti allo stabilimento di Andezeno è presente la tenda rossa della Flai in presidio permanente. Oggi, le Rsu di Saiwa e della Lavazza andranno ad Andezeno a portare la solidarietà dei lavoratori delle due aziende.

La Regione Piemonte ha convocato per mercoledì 3 ottobre un tavolo alla presenza di azienda e sindacati.

Ad annunciarlo, l’assessora al Lavoro della Regione Piemonte Gianna Pentenero, che ha partecipato venerdì scorso al presidio indetto dai lavoratori davanti ai cancelli della fabbrica.

Chiediamo alla proprietà – ha aggiunto Pentenerodi ritirare la procedura e sedersi al tavolo delle trattative senza la spada di Damocle dei licenziamenti. La decisione di chiudere l’unico stabilimento italiano del gruppo, creando così un grave problema occupazionale al territorio è grave e poco comprensibile. Mi auguro che l’azienda rivaluti la propria decisione, individuando soluzioni alternative che consentano il mantenimento della produzione e dei posti di lavoro ad Andezeno. La Regione è disponibile sin d’ora a valutare ogni possibile intervento per raggiungere questo obiettivo“.

“Se ancora una volta la logica della delocalizzazione finirà per penalizzare i 57 dipendenti invitiamo tutti gli italiani a non bere più sia l’Hag che lo Splendid.” Lo ha dichiarato il Segretario Generale di Confintesa, Francesco Prudenzano.

Il Governo Italiano – ha aggiunto Prudenzanometta in atto tutte le azioni volte ad impedire l’ennesima delocalizzazione che getta nella disperazione 57 famiglie“.