Home Curiosità Ricette Caffè bosniac...

Caffè bosniaco o caffè turco? Si bevono insieme al Festival di Zayed

Gli appassionati di caffè tra i cittadini degli Emirati e del Golfo "di solito e curiosamente" chiedono la differenza tra caffè bosniaco e caffè turco, che è "uno dei loro tipi di caffè preferiti", dice all'Agenzia di stampa degli Emirati (WAM) mentre serve centinaia di visitatori al Festival che si tiene ad Al Watbha, a circa 30 minuti di auto dalla città di Abu Dhabi

Festival di Zayed caffè bosniaco
Il Festival di Zayed

ABU DHABI – Che cosa può accumunare due territori a migliaia di chilometri di distanza come lo sono il Golfo Arabo e la regione balcanica occidentale, collocata a sud est dell’Europa? L’interesse condiviso per il caffè bosniaco. Una bevanda che lega le popolazioni di queste due zone lontane e che trova una grossa richiesta da parte dei consumatori, al punto da poterci organizzare un Festival. Leggiamo a proposito l’articolo dal sito wam.ae.

Caffè bosniaco: una ricetta che spopola

“Nel momento in cui alcuni visitatori vedono sulla lavagna ‘Bosnia’, chiedono: ‘Hai caffè bosniaco?’ dice Meliha Pasic, responsabile delle vendite in un negozio nel padiglione della Bosnia-Erzegovina al Festival Patrimoniale dello Sceicco Zayed di Abu Dhabi.

“Gli amanti del caffè tra gli Emirati, altri cittadini del Golfo, asiatici, nordafricani ed europei trovano immediatamente il caffè come argomento comune per avviare una conversazione con noi”.

Gli appassionati di caffè tra i cittadini degli Emirati e del Golfo “di solito e curiosamente” chiedono la differenza tra caffè bosniaco e caffè turco, che è “uno dei loro tipi di caffè preferiti”, dice all’Agenzia di stampa degli Emirati (WAM) mentre serve centinaia di visitatori al Festival che si tiene ad Al Watbha, a circa 30 minuti di auto dalla città di Abu Dhabi.

Pasic spiega loro l’influenza turca sul caffè bosniaco

L’Impero Ottomano, che ha governato la regione dei Balcani per diversi secoli dal XIV secolo, aveva lasciato il caffè come eredità culturale nella regione.

“Questa è solo un’influenza. Il nostro è diverso dal caffè turco e abbiamo il nostro modo tipico di fare il caffè”, dice mentre prepara un caffè bosniaco.

“Usiamo chicchi di caffè brasiliani, ma quello che affermiamo è il nostro modo di fare il caffè!” Pasic prosegue mentre la schiuma di caffè fuoriesce dalla tazza posta sul fornello caldo.

La maggior parte delle persone nei paesi vicini nella regione dei Balcani occidentali – Croazia, Serbia, Montenegro e Macedonia – prepara il caffè in modo simile, tuttavia “potrebbe esserci solo una piccola differenza”, spiega.

“Dopo tutto, in passato appartenevamo tutti allo stesso paese”, Pasic si riferisce alla disintegrazione dell’ex Jugoslavia in più stati.

“Quindi, quello che assaggi in questo caffè è un gusto dei Balcani [occidentali] che ti dà il sapore di tutta la nostra regione. Sono felice di vedere che le persone che vivono in questa parte del mondo amano il nostro caffè”, continua con gli occhi spalancati.

Il proprietario del negozio, Suad Dudic, che non parla né arabo né inglese, trova facile comunicare con i visitatori a causa dell’affinità culturale

“È la lingua del caffè che lo collega ai visitatori”, dice Pasic.

Alcune parole arabe sono state incorporate nella loro lingua madre, il bosniaco, che li aiuta anche nella loro comunicazione con gli arabi.

“Ad esempio, dall’origine della parola “Caffè”, in bosniaco lo chiamiamo” Kahwa”, mentre gli arabi lo chiamano “Gahwa”, spiega.

Questi legami culturali e linguistici hanno incoraggiato Dudic, un uomo d’affari bosniaco, ad aprire la sua bancarella al Festival Patrimoniale dello Sceicco Zayed per il sesto anno consecutivo.

È venuto a conoscenza del festival per la prima volta attraverso la comunità agricola in Bosnia, che riceveva vari tipi di sostegno dalla Fondazione Khalifa Bin Zayed Al Nahyan.

Ha raccolto prodotti agricoli locali come miele, succhi, marmellate e medicinali a base di erbe e si è recato ad Abu Dhabi sei anni fa e ha continuato a farlo ogni anno.

Pasic, un dirigente del marketing che vive negli Emirati Arabi Uniti da sette anni, ha iniziato ad assistere Dudic nella sua bancarella sin dal festival dell’anno scorso.

“Continueremo a venire qui”, dice.

Il Festival Patrimoniale dello Sceicco Zayed è iniziato il 20 ottobre 2020 e continuerà ad attirare visitatori fino al 20 febbraio 2021

Chiamato in onore del defunto Sceicco Zayed bin Sultan Al Nahyan, padre fondatore degli Emirati Arabi Uniti, il Festival celebra il patrimonio culturale del paese e mette in mostra la ricca diversità delle sue tradizioni.

Gli eventi del festival mirano a stimolare la diffusione di valori di armonia e convivenza. Il Festival accoglie ogni anno più di un milione di visitatori di varie nazionalità.

Il Festival con lo slogan “EAU: Crocevia delle Civiltà”, presenta 3.500 eventi culturali internazionali e ospita 17.000 partecipanti ed espositori da 30 paesi in tutto il mondo.

Nella sede del festival sono in atto severe misure precauzionali per prevenire la diffusione del COVID-19.

Tradotto da: Hussein Abuel Ela.

http://wam.ae/en/details/1395302900513