Home Catene di caffetterie Giallo Coffee...

Giallo Coffee Day: Siddhartha, il re del caffè indiano, dirottò 310 milioni su una sua società

Il denaro convogliato sulla società personale di Siddhartha era a sua volta utilizzato per riscattare azioni, ripagare i debiti e pagare gli interessi oltre che per degli investimenti privati. L’indagine sembra escludere qualsiasi comportamento vessatorio da parte del fisco indiano chiamato in causa da Sidhartha nella sua ultima lettera.

Café Coffee Day Siddhartha
V. G. Siddhartha, è stato il fondatore e azionista di maggioranza della catena di caffetterie Café Coffee Day

MILANO – A un anno esatto dalla tragica scomparsa di VG Siddhartha – fondatore e proprietario di Café Coffee Day (Ccd), la più grande catena di caffetterie dell’India – emergono nuovi dettagli sulle circostanze che accompagnarono la misteriosa morte del re del caffè indiano, il cui corpo fu rinvenuto vicino alla foce del fiume Nethravati, non lontano da Mangalore, il 31 luglio scorso. In una lettera diffusa dall’azienda e ritenuta autentica dalla polizia, Siddhartha affermava di avere fallito come imprenditore.

E si assumeva tutte le responsabilità per lo stato di dissesto finanziario di Ccd, schiacciata dal peso dei debiti e dalle pressioni dei debitori.

“Sono triste per avere deluso tutti coloro che avevano riposto la loro fiducia in me” scrisse nella lettera. “Ho combattuto a lungo, ma oggi mi arrendo”.

Contenuto riservato agli abbonati.

Gentile utente, il contenuto completo di questo articolo è riservato ai nostri abbonati.
Per le modalità di sottoscrizione e i vantaggi riservati agli abbonati consulta la pagina abbonamenti.