lunedì 06 Dicembre 2021

Il Brasile effettua la prima spedizione di caffè carbon neutral, 600 sacchi da 30 kg

L'interesse dell'industria della torrefazione per questo prodotto, che ha ancora un'offerta limitata, è grande, in quanto fornisce una forte compensazione delle emissioni al picco

Da leggere

SAN PAOLO – Il prodotto ha un processo produttivo che consente un maggiore sequestro rispetto alle emissioni di gas serra. Il Brasile ha effettuato la sua prima spedizione di caffè carbon neutral, il cui processo di produzione consente un sequestro maggiore delle emissioni di gas serra, e sono in arrivo nuove esportazioni del prodotto più sostenibile e
valorizzato, hanno affermato a Reuters i rappresentanti della cooperativa monteCCer, che ha guidato l’iniziativa.

Brasile all’avanguardia per la sostenibilità della filiera

La spedizione di 600 sacchi da 30 kg di prodotto – una misura diversa dal tradizionale sacco da 60 kg del chicco “commoditizzato” – è stata effettuata ad ottobre con Volcafe, braccio commerciale del caffè di ED&F Man, una delle più grandi trading mondiali di commodities, per servire i clienti in Giappone. La trading ha pagato un premio equivalente a 100 reais (circa 15 Euro) per sacco da 60 kg di caffè carbon neutral, un importo che è il doppio del differenziale pagato per i prodotti di qualità e che hanno certificati ambientali e sociali, hanno affermato i leaders di monteCCer, con sede a Monte Carmelo, nel Cerrado Mineiro.

“Lavoriamo per la decommoditizzazione del caffè“, ha detto il direttore sovrintendente di monteCCer, Regis Damasio Salles, spiegando che non si tratta di un percorso facile, ma ne vale la pena per il valore aggiunto ricevuto e anche perché prepara l’attività alle future generazioni di caffeicoltori.

La neutralizzazione del carbonio viene effettuata attraverso il sequestro dell’anidride carbonica da parte degli alberi, ma anche attraverso la riduzione dei fertilizzanti azotati, un maggiore utilizzo di composti organici, l’uso di difensivi biologici, la razionalizzazione dell’irrigazione, tra gli altri processi.

L’interesse dell’industria della torrefazione per questo prodotto, che ha ancora un’offerta limitata, è grande, in quanto fornisce una forte compensazione delle emissioni al picco.

Il caffè torrefatto prodotto con chicchi carbon neutral consente, ad esempio, una riduzione di oltre l’80% delle emissioni di gas serra, se paragonato al bilancio registrato nel processo di lavorazione con un prodotto tradizionale.

“Abbiamo (altri) cinque accordi avviati”, ha aggiunto Salles, sottolineando che la cooperativa sta negoziando con una grande catena di caffetterie statunitensi, nonché con acquirenti europei. Non ha rivelato i nomi.

Il direttore di MonteCCer ha commentato che tutto è iniziato nel 2018

Quando le aziende agricole cooperative che stavano completando dieci anni di certificazione per le buone pratiche hanno deciso di fare un passo avanti. È stato quindi realizzato, sotto la supervisione dell’Istituto di Gestione e Certificazione Forestale e Agricola (Imaflora), il cosiddetto “inventario della sostenibilità”, in cui sono state rilevate voci quali suolo, uso di difensivi e fertilizzanti, risorse idriche, emissioni di gas, fauna e flora.

Il lavoro ha evidenziato che 34 aziende agricole, nel bilancio delle emissioni, sequestrano più di quanto rilasciano gas serra, considerando le voci che emettono di più, come l’uso di fertilizzanti, calcare, combustibili fossili (gasolio) e lavori di potatura nei campi.

Ha sottolineato che la misurazione, approvata dalla società globale Preferred by Nature, è stata effettuata solo all’interno del cancello, senza considerare le Aree di Conservazione Permanente (APP) e di Riserva Legale, il che indica che il sequestro di carbonio della proprietà potrebbe essere maggiore.

I partecipanti all’iniziativa cercano di ridurre l’uso di fertilizzanti azotati, i più grandi emettenti, utilizzando materiali organici e migliorando la copertura vegetale delle colture, tra le altre iniziative.

“Poiché la maggior parte dell’irrigazione nelle nostre colture è a goccia, questo evita la volatilizzazione dell’azoto, a goccia, la volatilizzazione è minima, a differenza dell’irrigazione a pioggia”, ha spiegato Francisco Sérgio de Assis, presidente della Federazione dei Caffeicoltori del Cerrado e della cooperativa MonteCCer.

“Oggi stiamo razionalizzando tutto”, ha aggiunto, affermando che le iniziative prevedono l’utilizzo di difensivi biologici e il risparmio idrico ed energetico.

Potenziale per la filiera dal Brasile

Il settore ritiene che il percorso per ottenere caffè carbon neutral sia stato facilitato tra i soci della cooperativa dalle buone pratiche che sono già state adottate da molti anni, e ritiene che il potenziale del Cerrado Mineiro nell’offrire questo prodotto più sostenibile sia enorme.

Attualmente, le 34 aziende agricole con certificazione carbon neutral producono una media di 160mila sacchi di caffè all’anno, un volume ancora esiguo vicino ai milioni di sacchi esportati ogni mese dal Brasile.

Ma i soci della cooperativa affermano che gran parte del Cerrado Mineiro, che coltiva 230mila ettari (ovvero più del 15% della superficie brasiliana di caffè Arabica), potrebbe orientarsi verso un’iniziativa più sostenibile, in quanto già in possesso di qualche certificazione ambientale o sociale.

“Il Cerrado Mineiro è la regione con la più grande superficie di caffè certificato al mondo, la certificazione sfiora i 90mila ettari”, ha evidenziato Assis.

“Nella nostra federazione siamo 55 comuni, abbiamo sette cooperative, stiamo già svolgendo un lavoro di intercooperazione nel senso di migliorare le pratiche sociali e ambientali. Lo zero carbonio è già una pratica che dovrà essere seguita dalle nostre sorelle”.

Anche il Consiglio degli Esportatori di Caffè del Brasile (Cecafé) e il Consiglio Nazionale del Caffè (CNC), ente che rappresenta le cooperative, sono coinvolti in progetti per espandere l’iniziativa in aree come Sul de Minas e Zona da Mata.

Ultime Notizie