Home Aziende Bonomi, dopo ...

Bonomi, dopo la prova Caffitaly e l’acquisto Ceme punta 143 milioni in Spagna

Andrea Bonomi del fondo di investimenti Investindustrial
Andrea Bonomi del fondo di investimenti Investindustrial

MILANO – Importante acquisizione di una finanziaria italiana, la Investindustrial di Andrea Bonomi, nel settore internazionale delle commodity, del cacao-cioccolato in particolare. Ricordiamo che Investindustrial, dopo essere stata in lizza per l’acquisizione di Caffitaly, aveva proseguito sul fronte del caffè con l’acquisto della Ceme che si occupa di valvole per le macchine espresso.

Riportiamo la notizia da repubblica.it. L’acquisizione da parte di Investindustrial avvienae tramite un’Opa volontaria, della totalità delle azioni e obbligazioni convertibili di Natra. La multinazionale spagnola quotata a Madrid che si è distinta in Europa nella produzione di cioccolato. Nonché di prodotti a base di cacao.

L’operazione avviata da Andrea Bonomi, ha avuto un costo di circa 143 milioni di euro.

ANCAP
Water + more

Bonomi si estende oltre il caffè

World Confectionery group è una società del gruppo Investindustrial che fa capo ad Andrea Bonomi. Ha promosso un’Opa volontaria per l’acquisto della totalità delle azioni e obbligazioni convertibili di Natra, con ricavi annui pari a 372,5 mln di euro (dato 2017). Il prezzo per azione è pari a 0,90 euro corrispondente a un esborso massimo di circa 143 milioni di euro.

L’Opa, si legge in una nota, segue l’accordo siglato da Investindustrial con i tre principali obbligazionisti di Natra. (Bybrook, Deutsche Bank e Sabadell). Per l’acquisto del 57,6% delle obbligazioni della società da loro possedute.

Il corrispettivo offerto in contanti

(0,90 euro per azione e 900 euro per ogni obbligazione convertibile), è dell’1,1% più basso della chiusura nell’ultimo giorno di scambi prima dell’annuncio (0,91 euro per azione), ma supera del 2,9% il prezzo medio ponderato ai volumi nella seduta del 2 gennaio (0,8749 euro) e del 100,4% il valore di chiusura del 3 gennaio 2018 (0,449 euro).

L’offerta è soggetta all’approvazione delle autorità Antitrust

E al via libera da parte degli azionisti di Natra. In seguito all’operazione, è prevista l’uscita della società dal mercato azionario, sebbene il titolo sia stato uno dei migliori della Borsa spagnola, con una rivalutazione del 98% nel 2018.

Investindustrial, fondata nel 1990, investe soprattutto in aziende di medie dimensioni in vari settori industriali, compreso quello dei consumi. Natra, che ha sede a Valencia, ha sei centri di produzione e vende in un centinaio di paesi.