Home Bar Caffetteria Bar e ristora...

Bar e ristoranti, tante le nuove aperture, ma ancora di più sono le chiusure

bar e ristoranti

MILANO – Il settore della ristorazione registra ancora delle cifre allarmanti, che raccontano una condizione di profonda crisi. Infatti, sono oltre 26mila i locali chiusi nel 2018. Lo riporta il Rapporto Ristoratore Top 2019. Un quadro da record negativo, persino rispetto al 2008, l’anno che è stato un po’ il climax della crisi di questo mondo. La situazione non è diversa per gli altri pubblici esercizi. Ricordiamo solo i dati Fipe più recenti: 25mila tra bar e ristoranti hanno cessato l’attività nel 2017. E’ negativo il saldo tra le imprese iscritte e cessate sempre secondo la Federazione. A livello nazionale il settore ha perso 3,5 imprese ogni 100 attive. I dettegli di questo presente caratterizzato dal segno meno, da newsmondo.it.

Bar e ristoranti, una specie da proteggere

Una situazione molto particolare visto che le spese nei ristoranti sono aumentate (85 miliardi di euro). L’amministratore delegato di Ristoratore Top prova a dare una spiegazione a questi due trend completamente opposti: “L’incrocio di questi due record – spiega – fa del 2018 un anno buio. Perché indica quanto la spesa per mangiare fuori casa sia distribuita in modo non equo e molti ristoratori non sono stati in grado di interpretare i recenti cambiamenti che questo mondo ha avuto“.

Crisi del mondo della ristorazione

Ebbene sì, le abitudini alimentari sono cambiate come successo anche ad altri settori. Uno studio fatto dalla Federazione Pubblici Esercizi nei primi due anni di vita chiudono tre attività su dieci. I motivi di questo fallimento sono vari. Costi troppo alti, concorrenza elevata, troppa burocrazia. Ma in alcuni casi anche poca esperienza in un mondo molto difficile da interpretare e affrontare.

FOODNESS
CARTE DOZIO

E i dati del 2018 parlano chiaro

Il record di ristoranti chiude dovrà portare nelle prossime settimane a fare una riflessione su questo trend negativo che deve assolutamente invertito nell’anno in corso. Il mondo della cucina si prepara ad affrontare un periodo di transizione obbligatorio. Per cercare di ritornare ai fasti dei periodi precedenti. L’aiuto può arrivare dalle tanti trasmissioni televisive ma prima bisogna invertire i numeri della stagione appena conclusa.