martedì 28 Giugno 2022

I banchieri coreani temono la corsa alla criptovaluta della catena di locali Starbucks

Negli ultimi anni Starbucks è stata considerata un'azienda fintech, non un'azienda di caffè. Anche la rimozione della parola "caffè" dal suo cartello lo dimostra.” E il giornale afferma che i protagonisti sudcoreani stanno facendo "richieste" affinchè i regolatori finanziari intervengano, con un numero crescente di persone che sperano di "mettere controlli su Starbucks

Da leggere

MILANO – La catena americana di caffè non molla la sua presa sull’Oriente. Ma la reazione di alcuni Paesi come la Corea del Sud non è delle migliori. Un sentimento di inquietudine si è diffuso tra i banchieri, che avvertono la minaccia di Starbucks sulla cripto moneta. Leggiamo la notizia dal sito https://it.cryptonews.com/.

Banchieri coreani VS Starbucks: come andrà a finire?

Un rapporto della Corea del Sud afferma che i banchieri nel paese sono preoccupati per l’avvicinarsi di una minaccia cripto inaspettata – la catena americana di caffetterie Starbucks.

Secondo il Korea Times, i professionisti del settore bancario hanno teorie sui piani di digitalizzazione della società e temono che rimarranno indietro quando la società del caffè deciderà di mostrare i muscoli nel mondo cripto.

Il comunicato stampa cita un funzionario bancario sudcoreano che afferma

“Negli ultimi anni Starbucks è stata considerata un’azienda fintech, non un’azienda di caffè. Anche la rimozione della parola “caffè” dal suo cartello lo dimostra.”

E il giornale afferma che i protagonisti sudcoreani stanno facendo “richieste” affinchè i regolatori finanziari intervengano, con un numero crescente di persone che sperano di “mettere controlli su Starbucks”.

Lo stesso comunicato stampa cita Kim Sang-bong, professore di economia della Hansung University , che afferma che

“Le normative sono necessarie affinchè i fornitori di servizi prepagati possano mantenere un certo livello di coefficiente di adeguatezza patrimoniale.”

Secondo vari report, Starbucks apre nel paese circa 80 nuovi negozi ogni anno. Seoul ha presumibilmente più negozi Starbucks di qualsiasi altra città al mondo, tra cui New York e la città natale di Seattle.

Il Korea Times cita Kim Jung-tai, Ceo del gruppo pro blockchain Hana Financial Group , ha affermato in un recente discorso di Capodanno al personale

“La tecnologia ha permesso alle aziende del caffè come Starbucks di diventare nostri concorrenti. Sarebbe accettabile definire Starbucks una banca non regolamentata, e non una semplice azienda di caffè. ”

Il media afferma che anche i Ceo delle banche rivali Kookmin (KB) e NongHyup hanno parlato di Starbucks in passato.

Starbucks è uno dei sostenitori della piattaforma di criptovalute statunitense Bakkt, che ha nominato il gigante della caffetteria come principale partner per la sua offerta di cripto ai consumatori, in programma quest’anno.

Ultime Notizie