Home Lifestyle Come preparar...

Come preparare l’angolo della pausa caffè ideale nelle proprie case e nelle cucine

Un angolo caffè cucina dedicato al caffè casalingo
Un angolo cucina dedicato al caffè casalingo

MILANO – Il consumo domestico non è un’attività in via d’estinzione, neppure in Italia, dove spesso e volentieri la tazzina si prende al bancone del bar durante una pausa. Eppure, le domeniche esistono per tutti, anche i più stacanovisti una volta ogni tanto passano una colazione nella propria cucina. E allora, non è meglio in queste rare occasioni, esser coccolati non solo dal buon espresso ma anche da un angolo caffè accattivante? L’occhio vuole sempre la sua parte, anche e soprattutto quando parliamo di arredo. I coffeelover quindi, potranno approfittare di tutte le idee pubblicate su lavorincasa.it, che ora condividiamo con i lettori. Anche se, avvisiamo, tutto ciò che è messo in evidenza ha un po’ di sapore unitense: dalle macchine per caffè americano ai tazzoni per contenerlo.

Angolo caffè perfetto? Ecco come fare in spazi ristretti

La soluzione più immediata è quella di allestirlo sul top della cucina o su un mobiletto adiacente. Sfruttando tutte le potenzialità di un pannello portaoggetti.  E così, grazie a ganci e piccole mensole, avremo tutto il necessario a portata di mano, senza occupare troppi centimetri.

Tra i modelli disponibili, scegliamo quello che per grandezza, materiale e colore si adatta al meglio ai nostri gusti e alle nostre esigenze. I pannelli portaoggetti in acciaio laccato, ad esempio, sono indicati in una cucina moderna. Quelli in legno, invece, danno calore a un arredamento rustico.

In alternativa, possiamo realizzarne uno con le nostre mani

Basta acquistare nei negozi di bricolage o richiedere al proprio falegname di fiducia una tavola in compensato; una volta recuperata, pratichiamo su di essa dei fori dove inserire dei pioli su cui andremo a sistemare tutto ciò che serve per rendere piacevole la nostra pausa-caffè.

Un’altra idea è quella di sfruttare le zone inutilizzate della cucina

Costruendo, ad esempio, un mobile ad angolo fai da te. In che modo?  Bisogna ricorrere a tre pannelli di truciolato. Due più grandi, di forma rettangolare, fungeranno da scheletro, dal terzo, invece, andremo a ricavare quattro pannelli triangolari più piccoli che diventeranno i ripiani.

Con l’aiuto di una maschera per spianatura, pratichiamo dei fori nei bordi dei ripiani al centro del loro spessore.

Subito dopo, infiliamo delle spine di faggio. Spalmate di colla vinilica, e colleghiamo i ripiani al fianco di uno dei pannelli più grandi, precedentemente forato. Quando il loro incollaggio sarà stato stabilizzato, potremo procedere ad unire l’altro.

Tutti i profili a vista vanno poi rivestiti con il nastro termoadesivo. Applicandolo con un comune ferro da stiro; è importante passarlo lentamente; esercitando poca pressione e senza fermarsi; per evitare di bruciare la superficie. Et voilà, abbiamo così ottenuto il nostro pratico mobiletto!

Nello scaffale superiore, collochiamo una caffettiera elettrica o una macchina per espresso

E via via, in quelli seguenti, i barattoli con il caffè, lo zucchero e dolcificanti vari. E poi, ancora tazze e tazzine, cucchiaini e dei vassoi di diverse dimensioni. Nel caso passino a trovarci più ospiti.

Infine, includiamo alla base delle ruote per spostare il mobile agevolmente, secondo le nostre necessità.

E per rendere il nostro angolo caffè facilmente individuabile, aggiungiamo una targa o delle scritte a tema. Come, ad esempio, quelle che riprendono la parola coffee, oppure una lavagnetta su cui scrivere frasi o aforismi che ricordano la nostra passione per questa bevanda.

Come allestire un angolo caffè in ambienti più grandi

Il discorso cambia se si dispone di tanti metri quadrati. Ricreare un angolo caffè in ambienti più grandi, infatti, può essere un gioco da ragazzi, anche per gli arredatori in erba. 

Oltre che in cucina, infatti, possiamo dare vita a un funzionale coffee corner nella zona living. Inserendo su una parete un mobile appena acquistato o restaurato. Se possibile, scegliamo un complemento con i cassetti. Al cui interno conservare tovaglioli e tovagliette da usare all’occorrenza.

Sfruttiamo tutto il ripiano del mobile per collocare la macchina espresso

Ma anche vassoi e barattoli in plastica colorata o vetro trasparente dove mettere il caffè e lo zucchero. O, in alternativa, per sistemare dei porta cialde o dei porta capsule, per averle sempre in ordine.

Se lo spazio a nostra disposizione lo consente, posizioniamo sopra il mobile delle mensole su cui poggiare un buon numero di tazze e tazzine di varie misure e genere; saranno utili a dare un tocco di colore al nostro angolo caffè. Non dimentichiamo poi di includere un barattolo, di vetro o di latta, in cui riporre i cucchiaini o le palettine per mescolare il caffè.

Inoltre, vicino al nostro mobile, è consigliato tenere un pratico carrello portatile

 

Per servire comodamente agli ospiti un caldo espresso, da gustare mentre si chiacchiera.
Per ottimizzare gli spazi, possiamo ricorrere a un tavolinetto richiudibile con le ruote. Da aprire e utilizzare solo quando necessa

Infine, per rendere maggiormente riconoscibile il nostro coffee corner possiamo dipingere la parete che lo racchiude con della pittura lavagna. La soluzione ideale per chi desidera appuntare parole, frasi e citazioni che celebrano l’espresso, oppure attaccare una carta da parati a tema. Basta cercare in rete per trovare tantissime possibilità gustose e divertenti.

Tazze in ordine con un porta tazzine fai da te

C’è chi non riesce a rinunciare alla propria tazzina preferita e chi ama cambiare tazza a ogni espresso, secondo l’umore del momento. Indipendentemente dalle proprie abitudini, per una pausa caffè ancora più piacevole e funzionale, è bene tenere le tazzine sempre in ordine e a portata di mano. In che modo? Realizzando, ad esempio, un pratico porta tazze fai da te.

Assi, pannelli di legno, pallet e persino l’anta di una finestra inutilizzata sono indicati come base. Possiamo lasciarli al naturale o dipingerli con la nuance che più ci piace; in alternativa, possiamo usare pittura e pennello per scrivere la parola caffè. Declinata nella variante linguistica che si preferisce, o una frase che richiama ad essa. Va bene pure un adesivo, acquistabile online.

Una volta preparata la base, è tempo di aggiungere i ganci

Possiamo optare per quelli con supporto metallico oppure, con un po’ di manualità, possiamo dare nuova vita a vecchi cucchiai e forchette; basta piegarli a metà del manico e attaccarli con un chiodo per essere pronti all’uso.

Un’altra idea è quella di sfruttare una parte della parete per fissare una o più barre metalliche su cui mettere dei ganci portatutto. Ideali per appendere tazze e tazzine varie.

Come creare un porta cialde e un porta capsule fai da te

Non solo le tazze. Anche cialde e capsule devono essere ordinate con cura. Per evitare di tenerle in posti diversi e non trovarle quando servono. 

Il modo più semplice è quello di riporle all’interno di una scatola di latta o di legno; personalizzabile secondo lo stile del nostro angolo caffè.

Con la tecnica del découpage, ad esempio, possiamo regalare un tocco retrò alla nostra scatola o trasformarla in perfetto stile shabby chic.

Basta ritagliare da vecchi libri, riviste e giornali le immagini che più ci piacciono

E che richiamano la nostra passione per il caffè. Una volta selezionate, prepariamo una miscela composta in parti uguali da acqua e colla vinilica che andremo a stendere con un pennello sia sulla superficie della scatola che sul retro dei ritagli. Per incollarli nell’ordine e nel modo che si preferisce.

Aspettiamo che la colla sia ben asciutta prima di applicare almeno 4-5 mani di vernice fissante o lacca; bisogna lasciare asciugare ogni mano. E solo dopo procedere con l’applicazione della successiva, ricordandosi di levigare il découpage ogni due passate per ottenere un risultato migliore.

La stessa tecnica può essere utilizzata per decorare i tappi di barattoli di vetro che possono diventare, all’occorrenza, dei pratici porta cialde e capsule; scegliamone due di dimensioni e forme differenti per distinguerli l’uno dall’altro.

I più creativi possono divertirsi a realizzarne uno con i Lego

Si inizia disponendo una serie di mattoncini colorati su tre lati. Quello davanti, in questa prima fase, deve essere lasciato libero per ideare un’apertura da cui poter prelevare le nostre cialde/capsule.

Dopo avere formato delle pareti, alte 5-6 strati, possiamo continuare ad aggiungerne altrettanti, questa volta però su tutti i lati.

L’altezza del nostro porta cialde/capsule varierà in base a quante ne vorremmo mettere al suo interno.

Non mancano poi i tutorial che suggeriscono come creare un porta cialde o un porta capsule fai da te in stoffa o in feltro. Le soluzioni più gettonate? Quelle che ripropongono la forma di una grande tazza di caffè.