Home Aziende ALBANIA &#821...

ALBANIA – Una caffetteria per disabili

A Tirana ape la prima caffetteria (nella foto i gestori) nella quale si puo’ ordinare anche a gesti, ospita quadri dipinti da portatori di handicap e vuole dimostrare che possono lavorare

 TIRANA – La caffetteria “Ejona” è l’ ultima che sia stata aperta nell’ elegante quartiere Blloku di Tirana , che era gia’ pieno di bar e ritrovi: la caratteristica che fa del nuovo locale un posto unico e’ che qui dentro un caffe’ macchiato può anche essere ordinato nel linguaggio dei segni .

L’impresa nasce dall’iniziativa di un gruppo di amici , il bar che ha aperto i battenti poche settimane fa mira a promuovere l’interazione sociale e il networking tra i giovani , e nello stesso tempo sensibilizza l’opinione pubblica sui bisogni e le sfide che devono affrontare le persone disabili. “La nostra e’ un’attivita’ come qualsiasi altra poiché dobbiamo ottenere un profitto offrendo un ervizio di alta qualità”, dice a “Birn” Edlira Nasi , uno delle fondatrici .”Pero’ essendo questo un social business i profitti non sono riservati a noi ma saranno reinvestiti per espandere il personale o aprire un locale nuovo”, aggiunge.

Il censimento del 2011 ha registrato in Albania 137.435 persone afflitte da un qualche tipo di disabilità ed uno studio recente studio dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce) dimostra che i giovani con disabilità devono affrontare sfide significative , in particolare in settori quali l’occupazione , l’istruzione e l’accesso a una vita sociale .

Nasi spiega che l’idea di aprire la caffetteria per disabili si e’ materializzata più di un anno fa, quando , di fronte alla difficoltà di incontrare un amico disabile davanti a un caffè lei e tre amici ha deciso di aprirne uno loro .Rendendosi conto che la maggior parte dei luoghi mancava di accessi per i disabili , Nasi ha avviato il progetto per la caffetteria “Ejona” avvicinandosi per un finanziamento allo “Yunus Social Business” (Ysb), ovvero alla società che aiuta a reperire i fondi per le “start- up” e fornisce consulenza ad aziende , governi , fondazioni e organizzationi non governative .

Ysb è stata co -fondata dal premio Nobel per la pace, Muhammad Yunus , Saskia Bruysten , Sophie e Hans Reitz Eisenmann .La società, che ha iniziato le operazioni in Albania a metà del 2012 , è collegata alla “Grameen Creative Lab” , fondata nel 2011 per concentrarsi sui fondi incubatori e servizi di consulenza “Ejona” ha ricevuto 42.700 euro dal Ysb al fine di affrontare i costi di caffetteria e affrontare la gestione per per i primi quattro mesi di attività.

La caffetteria accoglie opere d’arte di artisti disabili , organizza proiezioni di film e sta progettando serate teatrali , tuttavia Nasi dice che i’ obiettivo principale è quello di lavorare come piccolo centro di formazione per i giovani con disabilità e rompere il pregiudizio che non siano occupabili . “Vogliamo dimostrare che le persone con disabilità possano ricoprire molti posti di lavoro e non devono avere delle limitazioni , ” Nasi detto. ” Qui, quando i clienti acquistano una tazza di caffè cominciano a rendersi conto di questo fatto “, conclude .

fonte: http://italintermedia.globalist.it/Detail_News_Display?ID=69475&typeb=0&Loid=226&Un-caffe-per-disabili