CIMBALI M2
venerdì 14 Giugno 2024
  • CIMBALI M2

Ai siciliani il caffè al bar piace meno e le attività chiudono

La crisi maggiore a Palermo con 188 bar chiusi , segue Catania con 45 e Siracusa con 26

Da leggere

  • Dalla Corte
  • TME Cialdy Evo
  • Water and more
Carte Dozio
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

PALERMO – Il caffè tira meno in Sicilia: nel 2014 sono state 756 le aziende del settore che sono state cancellate dal registro delle Camere di Commercio siciliane, a fronte di 366 nuovi esercizi aperti, per un saldo negativo di 390 bar chiusi.

Sono i dati diffusi della Federazione italiana pubblici esercizi (Fipe) di Confcommercio, il sindacato leader del settore.

La crisi maggiore a Palermo con 188 bar, segue Catania con 45 e Siracusa con 26.

Il settore è una voce importante per l’occupazione: nel 2013 hanno impiegato 213.886 persone, l’80% delle quali con mansioni operative, e anche l’anno scorso l’occupazione ha tenuto.

La spesa delle famiglie per consumi alimentari fuori casa è stata nel 2014 di 73 milioni di euro.

«La nostra stima – spiega Dario Pistorio, presidente della Fipe – è che almeno 16 milioni di euro sono andati nel canale bar. E notiamo un clima di fiducia per il futuro. Basti pensare che nel biennio 2015-2016 il 14% delle imprese ritiene di dover acquistare nuove attrezzature e nel triennio successivo la percentuale sale al 25%. Il bar punta a bersi la crisi».

CIMBALI M2
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie