Home Scienza La Marzocco a...

La Marzocco avvia una ricerca sulla chimica del caffè attraverso l’hub culturale

Un progetto unico nel suo genere, che mira ad approfondire la conoscenza del caffè e a indagare la presenza di basi scientifiche che misurino la qualità e le caratteristiche di una tazza di caffè

progetto di ricerca la marzocco
La serra dentro l'Accademia

PIAN DI SAN BARTOLO (Firenze) – Accademia del caffè espresso, l’hub culturale inaugurato da La Marzocco, ha avviato un ambizioso progetto di ricerca, che combina l’analisi sensoriale del caffè a quella chimica e genetica. La finalità è quella di associare all’analisi sensoriale una scheda chimica e genetica delle diverse varietà di caffè analizzate, allo scopo di definire l’esistenza di una correlazione tra le proprietà genetiche, chimiche e organolettiche e le caratteristiche e gli aromi della tazza, e di favorire maggiore tracciabilità e controllo dei caffè di origine di alta qualità.

Progetto di ricerca della durata di tre anni

Che vede coinvolti come partner scientifici Pnat, spin-off accademico dell’Università di Firenze guidato dal professor Stefano Mancuso e Enea, l’agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico-sostenibile, con un gruppo di ricerca coordinato dalla Dott.ssa Alessia Fiore; e come partner nei paesi di origine gli enti garanti del caffè di El Salvador (Csc) Honduras (Ihcafe), Costa Rica
(Icafe) e Guatemala (Anacafe), oltre a Ace e Cup of excellence. La ricerca parte dall’analisi di oltre 400 campioni di caffè provenienti da Guatemala, El Salvador, Costa Rica e Honduras. Ogni campione giunge accompagnato dalla sua scheda sensoriale, redatta dai giudici locali e la ricerca vuole trovare una correlazione fra le analisi dei panel test e dei laboratori italiani.

Pnat e l’Università di Firenze sono responsabili dell’analisi chimica degli elementi associati all’aroma del caffè

Scelto per voi scelto per il pianeta

Mentre Enea si occupa della caratterizzazione genetica e chimica delle componenti responsabili del colore e del gusto. Si tratta di una ricerca destinata ad ampliarsi, per accogliere e analizzare anche i caffè di altre origini, e che vede coinvolti due assegnisti, Cosimo Taiti per l’Università di Firenze e Sarah Frusciante per Enea.

Un progetto unico nel suo genere, che mira ad approfondire la conoscenza del caffè e a indagare la presenza di basi scientifiche che misurino la qualità e le caratteristiche di una tazza di caffè.