Home Non Solo Caffè A Ostia, al b...

A Ostia, al bar gestito dai ragazzi disabili tutto è green, riciclabile e plastic free

ostia
Una barista alla macchina da caffè espresso

OSTIA (Roma) – Il bar gestito dai ragazzi con disabilità intellettiva di Anffas Ostia è ufficialmente green plus. Come l’intero centro socio sanitario di Ostia, che si occupa di oltre 500 tra bambini e ragazzi con disabilità. Dove tutto è totalmente riciclabile, riciclato e plastic free.

“Un percorso intrapreso anni fa – spiega il direttore generale Stefano Galloni – che ogni anno si è arricchito di ulteriori strumenti. Penso per esempio al benefit concesso ai nostri dipendenti impegnati nei servizi di assistenza domiciliare: un incentivo economico per utilizzare i mezzi pubblici e lasciare a casa l’automobile”.

“Da anni l’impegno sull’impatto ambientale delle nostre attività è centrale – sottolinea Galloni -. Non a caso siamo gli unici del settore, sul litorale laziale, ad aver ottenuto la Iso 14001 che certifica il nostro impatto ecologico. Dal 2012 abbiamo installato impianti fotovoltaici e di autoproduzione. Da poche settimane siamo plastic free, almeno per quanto riguarda tutte le attività che ce lo consentono. La mensa dei ragazzi utilizza acqua corrente filtrata da un erogatore, piatti e bicchieri sono compostabili e riciclabili, le posate sono in materiale lavabile.

Carta igienica e carta per le mani esclusivamente prodotta da fonti riciclabili

Sedie e tavoli del nostro bar gestito da ragazzi con disabilità sono prodotti anch’essi con materiali 100 per cento riciclati, grazie a una donazione di Unilever Italia-Algida che ha la nostra stessa sensibilità.

Perfino le tazzine da caffè e i bicchieri sono riciclabili

Sulle finestre abbiamo installato pellicole che filtrano il 99 per cento degli ultravioletti e sono ad alto efficientamento termico. Questo significa abbattere l’uso dei condizionatori in estate e dei riscaldamenti in inverno”.

Da Ostia una lezione di filosofia ambientale

“Non ci si può battere per l’inclusione e i diritti delle persone con una disabilità o una fragilità se poi non si è i primi a dare un contributo alla società civile, nel rispettare ogni altro cittadino e il territorio in cui tutti viviamo – conclude Stefano Galloni -. Le nostre famiglie e i nostri ragazzi continuano a credere sia più utile darsi da fare che lamentarsi, per combattere il sistema che brucia ogni genere di risorsa, ambientale e non”.