Home Catene di caffetterie Starbucks neg...

Starbucks negli Usa chiede obbligatoriamente ai clienti la mascherina

“La società è impegnata a svolgere un ruolo costruttivo nel supportare i funzionari sanitari e governativi mentre lavorano per mitigare la diffusione di Covid-19”, ha affermato Starbucks

starbucks
photo by Noam Galai

MILANO – Starbucks continua la sua politica di sicurezza di fronte alla pandemia che ancora in questi giorni non sembra voler dare tregua negli Usa. Sulla linea delle misure necessarie a limitare il contagio, la catena statunitense di caffè ha deciso di obbligare all’uso della mascherina non solo i partner ma anche i clienti. Leggiamo la notizia da galileusweb.com.

Starbucks protegge i consumatori

Il mandato fa parte del “continuo impegno di Starbucks nel dare priorità alla salute e al benessere” dei suoi dipendenti e clienti durante la pandemia, ha dichiarato la società in una nota giovedì.

La richiesta di una copertura o maschera facciale sostituisce le leggi locali in alcuni stati o città che potrebbero non richiedere di indossarne una

Starbucks (Sbux) i clienti che rifiutano di indossare una maschera all’interno possono ordinare dal pick-up o dal ritiro.
Starbucks ha fatto indossare ai suoi impiegati un caffè a maschera o rivestimento facciale da aprile come parte di cambiamenti più ampi che ha implementato per salvaguardare contro Covid-19.

“La società è impegnata a svolgere un ruolo costruttivo nel supportare i funzionari sanitari e governativi mentre lavorano per mitigare la diffusione di Covid-19”, ha affermato Starbucks.

Sebbene non esista un mandato nazionale per indossare una maschera, il I centri per il controllo e la prevenzione delle malattie dicono a tutti “dovrebbero indossare una copertina di stoffa quando devono uscire in pubblico”. Il CDC ha affermato che “i rivestimenti per il viso hanno lo scopo di proteggere le altre persone nel caso in cui chi lo indossa è inconsapevolmente infetto ma non presenta sintomi”.
I rivestimenti facciali o le maschere sono diventati un calcio politico, portando a un mosaico di mandati in vari stati. approssimativamente 20 stati e Washington, DC, hanno un mandato per le maschere in tutto lo stato, mentre molti, inclusi i nuovi hotspot in Arizona e Florida, non lo fanno.