CIMBALI M2
mercoledì 12 Giugno 2024
CIMBALI M2

Starbucks “caccia” chi non vuole i matrimoni gay

Da leggere

  • Dalla Corte
  • TME Cialdy Evo
  • Water and more
Carte Dozio
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

MILANO – Si parla di matrimoni gay. Scambio di opinioni tra un azionista e il CEO della catena di caffetterie più famose del mondo. “Se non ti sta bene prendi le tue azioni e vattene”.

 STARBUCKS-logoCosì avrebbe intimato Howard Schultz. L’amministratore delegato di Starbucks, ha risposto così ad un azionista del gruppo che aveva criticato la scelta del brand di schierarsi a favore dei matrimoni tra persone delle stesso sesso.

Matrimoni gay: una nuova battaglia Starbucks

– Lo scambio di battute è avvenuto a Seattle, durante l’annuale incontro degli azionisti del colosso delle caffetterie. L’azionista Tom Strobhar ha preso la parola, sostenendo che la campagna a favore dei matrimoni gay aveva portato a un boicottaggio da parte delle associazioni contrarie e che il valore dell’azienda ne avrebbe risentito.

“Nel primo quadrimestre dopo l’annuncio del boicottaggio – ha detto Strobhar – Le nostre vendite e e nostri guadagni sono state, per dir così, piuttosto deludenti”.

“INVESTI I TUOI SOLDI ALTROVE”

– La risposta di Schultz è stata molto franca: il fatto che Starbucks appoggiasse i matrimoni gay non era una trovata per fare soldi, ha spiegato. Ma un’affermazione del diritto di uguaglianza.

“Con tutto il rispetto – ha concluso Schultz – Se lei crede di poter ottenere un guadagno maggiore del 38 percento che ha ottenuto lo scorso anno, questo è un paese libero. Può vendere le sue azioni di Starbucks e comprare quelle di un’altra compagnia”.

ABBRACCIARE LA DIVERSITÀ

– All’inizio del 2012 l’azienda aveva appoggiato la decisione dello stato di Washington di proporre un disegno di legge per legalizzare i matrimoni tra persone delle stesso sesso e aveva diffuso un comunicato con cul Starbucks si di diceva “profondamente entusiasta di poter abbracciare la diversità”. La proposta è poi diventata legge lo scorso dicembre.

TROPPO LIBERAL?

– Che tra Schultz e Strobhar non corresse buon sangue non è una novità: l’azionista, fervente anti-abortista e contrario alla causa delle unioni omosessuali aveva già chiesto a Schultz di smettere di appoggiare iniziative così “liberali”, perché coniderate “nocive” per gli affari dell’azienda.

Fonte: giornalettismo

CIMBALI M2
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie