venerdì 24 Maggio 2024
  • CIMBALI M2

Starbucks e Dunkin’: due business di caffè messi a confronto

Quasi tutti i negozi Dunkin’ Brands si trovano franchising. I negozi Starbucks con licenza si trovano in modo sproporzionato al di fuori degli Stati Uniti, perché i negozi di proprietà e gestiti dall’azienda rappresentano circa il 60% dei negozi statunitensi e la metà dei suoi negozi si trova all’estero

Da leggere

  • Dalla Corte
  • TME Cialdy Evo
Water and more
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

MILANO – Tutti hanno sentito parlare almeno una volta di Starbucks e Dunkin’: è inevitabile, trattandosi di due tra le maggiori catene di caffè che spopolano negli Stati Uniti (e non solo). Due marchi entrambi profondamente radicati negli States, che evocano però un vissuto di consumo piuttosto diverso. Cosa li distingue? A questo proposito proponiamo i passaggi salienti di un articolo che analizza e mette a paragone le due catene, da economiafinanza.net.

Starbucks e Dunkin’: il confronto

La prima differenza è il modello di business relativo alle dimensioni, alla proprietà del negozio e al marchio. Sebbene sia nata 20 anni rispetto a Dunkin’ Donuts, Starbucks è un’azienda molto più grande. Le entrate di Starbucks nel 2020 sono state superiori a 19,7 miliardi di euro (23,5 miliardi di dollari), mentre le entrate annuali di Dunkin’ nel 2019 sono state di 1,09 miliardi di euro (1,3 miliardi di dollari).

Triestespresso

Rispetto ai circa 11.300 locali di Dunkin’, Starbucks ha una diffusione più ampia, con oltre 30.000 location in tutto il mondo. Negli Stati Uniti, Starbucks è leader con circa 15.000 caffetterie, contro le 8.500 circa di Dunkin’ .

Starbucks si è espansa di più al di fuori degli Stati Uniti. Dunkin’ Brands, la ex società madre di Dunkin’, aveva anch’essa una forte impronta internazionale, ma molte delle sue location estere erano gelaterie Baskin-Robbins, non negozi Dunkin’.

Ricordiamo che Dunkin’ Brands è stata acquisita a fine 2020 da Inspire Brands, in un’operazione del valore complessivo di 11,3 miliardi di dollari. Inspire Brands possiede ora quasi 32.000 ristoranti in più di 60 paesi, che generano 26 miliardi di dollari di vendite annuali, e la rendono “la seconda più grande azienda di ristoranti negli Stati Uniti”.

Le entrate internazionali di Dunkin’ rappresentano solo una piccola parte delle vendite totali, mentre oltre il 25% delle entrate di Starbucks proviene da regioni al di fuori degli Stati Uniti. Dunkin’ ha annunciato piani di espansione internazionali e nazionali aggressivi, sperando di sfidare i suoi principali concorrenti, ma la differenza di scala deriva da cambiamenti nelle strategie di espansione.

Punti chiave

Starbucks e Dunkin’ sono le due più grandi catene di caffetterie negli Stati Uniti.
In termini di valore di mercato e numero di negozi globali, Starbucks è un’azienda più grande e ha anche creato un marchio di qualità superiore, con negozi che assomigliano di più a caffetterie accoglienti, con menu più ricchi e una maggiore personalizzazione del prodotto.

I negozi Dunkin’ sono simili ai ristoranti fast food più tradizionali e offrono prezzi più competitivi rispetto a Starbucks. La maggior parte dei negozi Dunkin sono in franchising, e su questi l’azienda può vantare maggiori diritti di franchising e ottenere il reddito da locazione.

Starbucks

Il design dei negozi Starbucks tiene conto del comfort dei clienti. L’accesso gratuito a Internet e le decorazioni calde sono progettate per offrire opzioni più attraenti per coloro che cercano un posto dove leggere, rilassarsi o chiacchierare con gli amici. Questo rende l’andare da Starbucks come un potenziale evento sociale, trasformando il negozio in una destinazione piuttosto che in un semplice luogo di distribuzione. Tutto questo, naturalmente, in tempi normali.

In genere, tali clienti hanno un reddito più alto e sono quindi disposti a pagare di più per prodotti di qualità superiore. Sebbene sia innegabile che Starbucks sia influenzato dall’ambiente macroeconomico, la sua base di clienti è più flessibile e meno sensibile ai prezzi, il che aiuta a mitigare l’impatto del ciclo economico.

Come Dunkin’, anche Starbucks ha spostato la sua attenzione nell’inclusione di più prodotti per i clienti pomeridiani e serali. Questi comprendono piccoli piatti e panini, nonché vino e birra. Entrambe le società hanno raddoppiato i loro sforzi su iniziative tecnologiche strategiche come gli ordini e le consegne a domicilio, il che spiega la collaborazione di Dunkin’ con l’app di navigazione Waze di Alphabet Inc. (GOOG). La pandemia ha dato un ulteriore, fortissimo incentivo a tale evoluzione tecnologica.

Dunkin’

Si presenta principalmente come venditore di caffè, fornendo al contempo ciambelle e cibo, come evidenziato dalla chiara affermazione del management esecutivo che Dunkin’ è un’azienda di bevande.

Negli ultimi anni, Dunkin’ ha prestato sempre più attenzione alle scelte alimentari non tradizionali, sperando di attirare clienti al di fuori dell’ora della colazione. L’introduzione della bistecca nel suo menu nel 2014 è stato un passo avanti verso la combinazione di cibi più vari con una crescente selezione di panini. Il design degli interni di Dunkin’ è diverso da quello dei negozi Starbucks in quanto i mobili e le decorazioni dei primi sono solitamente simili ai ristoranti fast food.

Differenza principale

Quasi tutti i negozi Dunkin’ sono in franchising. I negozi Starbucks con licenza prevalgono al di fuori degli Stati Uniti, mentre i negozi di proprietà e gestiti dall’azienda rappresentano circa il 60% degli stores statunitensi.

I maggiori diritti di franchising di Dunkin’ si traducono in un modello di business completamente diverso dal modello operativo di Starbucks, che ha un impatto significativo sui flussi di entrate, sulla struttura dei costi e sulle spese in conto capitale.

I negozi e le sedi in franchising dell’azienda hanno diverse strutture operative e di spesa in conto capitale. Il costo dei beni venduti (COGS) e le spese operative del negozio rappresentano una percentuale molto maggiore delle vendite di Starbucks rispetto a Dunkin’. Poiché il COGS è più importante nella struttura delle spese di Starbucks, i suoi profitti sono più gravemente colpiti dalle variazioni dei prezzi dei chicchi di caffè. L’onere delle spese in conto capitale di Starbucks è anche superiore a quello di Dunkin’ , che non è obbligata ad acquistare attrezzature da cucina per i negozi in franchising.

Starbucks ha creato un marchio di qualità migliore rispetto a Dunkin’

Starbucks offre un menu più ricco e una maggiore personalizzazione del prodotto, rafforzata dalla scrittura del nome di ciascun cliente sul lato della tazza. L’azienda offre un ambiente confortevole e tranquillo e la connessione Wi-Fi gratuita, incoraggiando i clienti a rimanere mentre consumano i prodotti Starbucks per socializzare, lavorare, studiare, sfogliare i media o ascoltare musica. Presi insieme, questi fattori si traducono – in condizioni normali – in un’esperienza migliore e in un prezzo più elevato.

I locali Dunkin’ hanno prezzi più competitivi e hanno come target principale il ceto medio. Nei documenti aziendali e nelle teleconferenze sugli utili, la direzione di Dunkin’ ha descritto l’intenzione di diventare il fornitore con il costo più basso sul mercato mantenendo la qualità al di sopra del livello minimo accettabile.

CIMBALI M2
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie

Carte Dozio