venerdì 01 Marzo 2024
  • CIMBALI M2
  • Triestespresso

Starbucks apre un nuovo punto vendita a Bologna sotto le Due Torri

L'apertura è prevista per questo autunno. Per il progetto, voluto da San Bernardino srl, non sono previsti dehors sull’area pubblica

Da leggere

Dalla Corte
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

L’espansione del colosso americano in Italia continua senza sosta: questa volta è il turno di Bologna. Per inizio autunno è prevista l’apertura di un nuovo store sotto l’ombra delle Due Torri all’interno di un palazzo dal grande valore storico e culturale. Lo stabile di pregio, che ha ospitato fino a pochi mesi fa la libreria Mondadori, dovrà subire alcune modifiche, come il ripristino e la riqualificazione della sala boschereccia. Leggiamo di seguito la prima parte dell’articolo pubblicato su Il Resto del Carlino.

Il nuovo punto vendita Starbucks

BOLOGNA – Starbucks arriva sotto le Due Torri con un punto vendita in uno dei nostri palazzi dal valore culturale e storico inestimabile. E l’apertura della caffetteria americana in via D’Azeglio 34 è in dirittura d’arrivo, come fa sapere l’assessora comunale al commercio Luisa Guidone, presentando i 16 progetti speciali per il commercio nelle aree urbane di particolare valore culturale, tutti approvati in deroga al cosiddetto Regolamento Unesco che limita i nuovi esercizi commerciali (in primo luogo di carattere alimentare) in centro storico.

Triestespresso

Starbucks nella ex Mondadori

Lo stabile di pregio, che ha ospitato fino a pochi mesi fa la libreria Mondadori, dovrà subire alcune modifiche, come il ripristino e la riqualificazione della sala boschereccia. In più, nella struttura sarà presente uno spogliatoio per i dipendenti, e bisognerà trasformare adeguatamente i locali per il pubblico esercizio di fama mondiale.

Ma i lavori di ristrutturazione non rallenteranno l’apertura, che è prevista per questo autunno. Per il progetto, voluto da San Bernardino srl, non sono previsti dehors sull’area pubblica.

Repa

La nuova apertura dona alla città un respiro internazionale e insiste sulla volontà di rendere Bologna sempre più attrattiva per i numerosi turisti e visitatori provenienti da tutto il mondo. I clienti saranno coinvolti anche per iniziative di carattere sociale e culturale.

Per ottenere la deroga, Starbucks si è impegnato a sviluppare iniziative di carattere sociale e culturale in collaborazione con l’amministrazione; progetti su bere responsabile e rispetto dell’ambiente e l’adesione al progetto “Insieme per il lavoro”.

La Lega: tutelare i commercianti storici

“Stupisce la concessione dell’apertura in via D’Azeglio di uno Starbucks da parte del Comune”, dichiarano in una nota Matteo Di Benedetto e Giulio Venturi, rispettivamente capogruppo a Palazzo D’Accursio e portavoce della Lega. Da una parte, infatti, l’amministrazione non perde occasione per “colpire i commercianti, anche storici, che costituiscono da sempre il tessuto commerciale della nostra città e ne costituiscono una delle caratteristiche segnanti – continuano i due leghisti – facendo fatica a concedere anche un dehor, magari proprio in via D’Azeglio”.

Dall’altra parte, però, “non ci si fa problemi ad aprire nelle vie storiche e caratteristiche alle multinazionali. È la sinistra dell’omologazione, che perde volentieri le caratteristiche identitarie in favore del grigio magma indistinto della modernità”, aggiungono Di Benedetto e Venturi.

Per leggere la notizia completa basta cliccare qui

CIMBALI M2
  • TME Cialdy Evo
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie

  • Water and more
  • IMF
Carte Dozio
Mumac