Home Notizie Satispay: nel...

Satispay: nel 2017 i pagamenti digitali a 220 mrd, nel 2018 toccano i 240 mrd

satispay
I fondatori di Satispay: da sinistra Dario Brignone, Alberto Dalmasso e Samuele Pinta

MILANO – La rivoluzone nei pagamenti digitali porta il marchio made in Italy: infatti, dallo scorso anno, Satispay ha contribuito a portare avanti l’Italia sul campo delle abitudini dei consumatori in fatto di acquisti senza contanti. La possibilità di utilizzare una forma digitalizzata come moneta di scambio, ha fatto crescere questa pratica tra le famiglie. Ormai, i pagamenti in digitale, dal 2017 quando avevano un valore di 220 miliardi di euro, già solo nel 2018 hanno toccato i 240 miliardi. Passando così dal 28% delle spese complessive al 37%. Ecco come una startup italiana ha battuto sul campo Apple e Samsung: da un articolo di Giuliano Balestreri per il sito it.businessinsider.com.

Satispay: le transazioni pro capite con carta sono passate da 60 a 67 l’anno

“E’ un dato positivo, ma – avverte Alessandro Perego, responsabile scientifico degli Osservatori Digital innovation Politecnico di Milano – la crescita, seppure più alta della media europea, non risulta ancora sufficiente per permettere all’Italia di scalare la classifica europea. Ben lontana dai paesi più performanti come Danimarca, Svezia e Regno Unito, che registrano oltre 300 transazioni pro capite all’anno”.

Anche perché a trainare la crescita con un progressione del 56% sono i cosiddetti “New Digital Payment” che rappresentano un terzo del totale (80 miliardi)

La progressione, in particolare, è trainata dalle carte Contactless e dei pagamenti in prossimità da Mobile (Mobile Proximity Payment). Secondo l’Osservatorio del Politecnico il giro d’affari dei nuovi pagamenti potrebbe superare i 125 miliardi di euro l’anno, entro il 2021. D’altra parte, i Mobile Proximity Payment sono cresciuti del 650% con oltre 15,6 milioni di transazioni effettuate in negozio con lo smartphone e per un controvalore di 530 milioni di euro.

IMA
JULIUS MEINL

Esulta, quindi, Alberto Dalmasso, co fondatore e Ceo di Satispay

“Il 2018 è stato un anno entusiasmante. L’altissima frequenza di utilizzo di Satispay si riflette nel fatto che oltre un terzo del numero dei pagamenti in negozio via smartphone è effettuato con la nostra app. Un dato ancor più rilevante se si considera che siamo indipendenti e per questo abbiamo dovuto costruire un network di accettazione degli esercenti partendo da zero, ma che oggi cresce al ritmo di 150 ogni giorno”.

Nel 2017 Satispay valeva da sola il 50% dell’intero comparto

Con transazioni per circa 35 milioni di euro. Invece, lo scorso anno, nonostante lo sbarco sul mercato italiano di colossi come Apple e Samsung, la start up italiana è riuscita a mantenere la posizione di leadership. Con un volume di pagamenti nei negozi superiore ai 100 milioni di euro.

“I negozi – incalza Dalmasso – rappresentano solo il 60% delle nostre transazioni. Mentre aumenta il peso dei nuovi servizi. Con il nostro team siamo riusciti a costruire una crescita su più fronti, in cui utenti ed esercenti sono ingaggiati con noi. È questo che permetterà a Satispay di essere sempre più rilevante nelle abitudini dei consumatori”. Anche perché una spesa media di 18 euro dimostra che l’app è entrata nella quotidianità degli utenti.