sabato 02 Marzo 2024
  • CIMBALI M2
  • Triestespresso

Nestlé: in Europa raggiunto l’85% di riciclabilità per i packaging fatti di plastica

Nel dettaglio, in Italia l’azienda ha raggiunto il 100% di riciclabilità per il cartone ondulato e il vetro, il 98% per i suoi packaging in carta, il 96% per la plastica rigida, il 92% per l’alluminio, il 77% per la plastica flessibile

Da leggere

Dalla Corte
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

ASSAGO (Milano) – A livello europeo il Gruppo Nestlé ha raggiunto l’85% di riciclabilità per i packaging in plastica e ha ridotto del 14% l’utilizzo di plastica vergine per i propri imballaggi. Questi risultati confermano gli straordinari sforzi che Nestlé sta compiendo per migliorare sempre di più la riciclabilità degli imballaggi.

I traguardi di Nestlé nel campo della riciclabilità in Europa

In Italia Nestlé ha conseguito traguardi particolarmente significativi: il 97% dei packaging prodotti nel nostro Paese è già riciclabile.  Nel dettaglio, in Italia l’azienda ha raggiunto il 100% di riciclabilità per il cartone ondulato e il vetro, il 98% per i suoi packaging in carta, il 96% per la plastica rigida, il 92% per l’alluminio, il 77% per la plastica flessibile.

Triestespresso

Inoltre, nel nostro Paese negli ultimi anni il Gruppo sta intensificando gli investimenti per la creazione di iniziative di economia circolare e di sistemi per il riciclo.

“Gli importanti risultati raggiunti finora dimostrano che stiamo percorrendo la strada giusta e ci spingono a lavorare con ancora più convinzione” – ha affermato Marta Schiraldi, Safety, Health, Environment e Sustainability Head del Gruppo Nestlé Italia – “Se è vero che la riciclabilità degli imballaggi inizia dal loro design, è innegabile che sia altrettanto importante l’infrastruttura a disposizione del Paese, che consente l’effettivo riciclo del packaging post-consumo e, senza la quale, non è possibile sfruttare al meglio le, seppur elevate, caratteristiche di riciclabilità degli imballaggi. Per questo motivo, stiamo investendo importanti risorse e siglando partnership con istituzioni, enti e altre aziende per la creazione di infrastrutture di riciclo in Italia”.

Repa

Il Gruppo Nestlé sta lavorando infatti per incrementare la raccolta delle capsule esauste di caffè e per supportare il processo di riciclo delle stesse.

Proprio con questo fine è stata lanciata l’iniziativa “Alleanza per il riciclo delle capsule in alluminio”, fondata nel 2021 da Nespresso in partnership con Illycaffè e che da febbraio 2023 si è ulteriormente potenziata con l’ingresso di Starbucks by Nespresso. Grazie a questo accordo i consumatori italiani possono consegnare le capsule esauste in alluminio Starbucks by Nespresso, in aggiunta a quelle di Nespresso e illy, nelle oltre 65 Boutique Nespresso, nei 10 illy Store e in più di 75 isole ecologiche convenzionate, per un totale di oltre 150 punti di raccolta sul territorio nazionale.

Dalla creazione dell’Alleanza (2021) sono state recuperate più di 3.000 tonnellate di capsule di caffè e, attraverso la partecipazione di Starbucks by Nespresso, il Gruppo punta a gestire le risorse in modo sempre più responsabile lungo tutto il ciclo di vita delle capsule in alluminio ampliando, allo stesso tempo, le possibilità di dare nuova vita alle capsule esauste.

In questa prospettiva si inserisce anche l’importante iniziativa di economia circolare “Da Chicco a Chicco” di Nespresso. Attraverso questo progetto, l’alluminio che compone le capsule, materiale infinitamente riciclabile, viene destinato alle fonderie per avviare appunto il processo di riciclo che lo trasformerà in nuovi oggetti (ad esempio penne, biciclette e molto altro), mentre il caffè viene conferito a un impianto di compostaggio per la sua trasformazione in compost, successivamente utilizzato in una risaia in Italia. Il riso così prodotto viene poi riacquistato da Nespresso e infine donato al Banco Alimentare della Lombardia, del Lazio e del Piemonte.

Il riciclo delle capsule di caffè in plastica

Parallelamente, Nestlé sta collaborando con realtà esterne per la creazione di un’infrastruttura di raccolta, smistamento e riciclo anche per le capsule di caffè in plastica. Per raggiungere risultati significativi in questo campo nel 2021 Nestlé ha lanciato – in collaborazione con illy, Regione Friuli Venezia Giulia e tre gestori di rifiuti urbani locali – il progetto pilota “Recap”, che ha consentito di raccogliere più di 16 tonnellate di capsule di caffè in plastica, e di effettuare test di separabilità con l’obiettivo di realizzare un impianto di separazione e riciclo su scala industriale.

In aggiunta, sono numerosi i progetti di ecodesign attivati in Italia dai brand di Nestlé per accelerare la roadmap di sostenibilità del packaging del Gruppo.  Nel 2021 Levissima ha lanciato nel nostro Paese la prima bottiglia prodotta con il 100% di R-PET per la referenza da 1L e da 75cl naturali.

L’R-PET è un materiale ottenuto dal recupero del PET comune, che può essere riciclato innumerevoli volte. Spostandosi dal business delle acque a quello del caffè, sono state recentemente immesse sul mercato le nuove capsule Starbucks by Nespresso, realizzate con l’80% di alluminio riciclato e composte da un foglio di alluminio più sottile, che ha consentito di ridurre del 9,2% la presenza di alluminio nel packaging rispetto alla composizione precedente.

I brand Nidina e NAN hanno adottato coperchi e misurini in plastica prodotti per almeno il 66% da fonti rinnovabili vegetali (canna da zucchero), continuando a garantire la sicurezza e la qualità alimentare del prodotto.

Nel 2021 Smarties ha annunciato il passaggio agli imballaggi in carta riciclabile per le sue principali referenze in tutto il mondo (oltre il 90% della gamma).

La scheda sintetica del Gruppo Nestlé

Il Gruppo Nestlé, presente in 187 Paesi con più di 2000 marche tra globali e locali, è l’azienda alimentare leader nel mondo, attiva dal 1866 per la produzione e distribuzione di prodotti per la Nutrizione, la Salute e il Benessere delle persone. Good food, Good life è la nostra firma e il nostro mondo.

Nel 2023 Nestlé celebra 110 di presenza in Italia, rinnovando il suo impegno con azioni concrete per esprimere con i propri prodotti e le marche tutto il buono dell’alimentazione.

L’azienda opera in Italia in 9 categorie con un portafoglio di numerose marche, tra queste: Meritene, Pure Encapsulations, Vital Proteins, Optifibre, Modulen, S.Pellegrino, Acqua Panna, Levissima, Bibite  e aperitivi Sanpellegrino, Purina Pro Plan, Purina One, Gourmet, Friskies, Felix, Nidina, Nestlé Mio, Nespresso, Nescafé, Nescafé Dolce Gusto, Starbucks, Orzoro, Nesquik, Garden Gourmet,  Buitoni, Maggi, Perugina, Baci Perugina, KitKat, Galak, Smarties, Cereali Fitness.

Per scoprire di più sul Gruppo Nestlé in Italia basta cliccare qui.

CIMBALI M2
  • TME Cialdy Evo
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie

  • Water and more
  • IMF
Carte Dozio
Mumac