Home Aziende NESPRESSO – P...

NESPRESSO – Presentati a Roma i due nuovi cru Kazaar e Dharkan con l’annuncio: capsule riciclabili

nespresso

ROMA – Nespresso macina novità senza sosta. Dopo aver annunciato di recente Inissia, la nuova macchina per capsule Nespresso, è ora la volta di due nuovi cru.

Il caffè si può bere per tantissimi motivi: chi beve caffè per riuscire a svegliarsi, chi per prendersi un momento di pausa, chi perché ama quel sapore amarognolo che lascia sul palato. C’è chi lo preferisce espresso, lungo, corto, macchiato caldo o freddo, marocchino quindi con cacao, al vetro come dicono a Roma. Chi lo beve decaffeinato, chi beve solo caffè d’orzo.

Chi sceglie quello americano cioè allungato con acqua calda, chi lo beve amaro, dolce, con zucchero di canna. Chi lo gusta senza girare il cucchiaino e chi assaggia prima la schiuma, chi lo beve tutto d’un fiato e chi lo sorseggia a lungo.
Per alcuni un caffè vale l’altro, per molti diventa quasi una filosofia di vita, un’esperienza dei sensi. Nespresso ha pensato a tutti.

Prendi un tramonto a piazza di Spagna, una boutique (al n° 34) che è un salotto nel centro storico della città, pareti ricoperte di capsule di tutti i colori, una varietà di miscele adatte ad ogni bevitore di caffè, tecnologie innovative.

È in questa cornice che Nespresso ha presentato i due nuovi Grand Cru: Kazaar (miscela ottenuta da due varietà di Robusta provenienti dal Brasile e dal Guatemala) e Dharkan (100% arabica proveniente dall’America Latina e dall’Asia), le due ultime raffinate miscele create per offrire differenti esperienze gustative.

Durante la serata Nespresso ha accompagnato il pubblico alla scoperta dei mondi attraverso cui nascono le sue preziose miscele: l’uomo con le sue esigenze e passioni, la natura e le sue risorse, la tecnologia con la sua presenza massiccia nella vita quotidiana e naturalmente il caffè in ogni sua declinazione, dalla pianta alla tazzina.

Infine una buona (eco) notizia: le capsule del caffè Nespresso sono completamente riciclabili, il caffè residuo diventa infatti compostaggio per le risaie, l’alluminio, materiale infinitamente riciclabile, viene destinato a molteplici riutilizzi.

Entro il 2013 Nespresso si impegna a ridurre del 20% l’impronta ecologica legata alla produzione di ogni singola tazzina di caffè, inoltre attraverso il programma Ecolaboration l’azienda ha integrato la sostenibilità in ogni fase della catena del valore, dal produttore al consumatore.
Fonti: diverse