Home Notizie I NOSTRI LUTT...

I NOSTRI LUTTI – Ecco chi era Biagio Passalacqua, il «re» del caffè napoletano

biagio passalacqua

Il quotidiano Il Mattino di Napoli ha pubblicato un toccante ricordo di Biagio Passalacqua scomparso martedì all’età di 93 anni. Ve la proponiamo.

di ​Antonio Vastarelli*

Biagio Passalacqua, il re del caffè napoletano

«È possibile fare un pessimo caffè con una buona miscela; ma non fare un buon caffè con una miscela scadente»: era questa una delle profonde convinzioni di Biagio Passalacqua. Il patron dell’omonima fabbrica di torrefazione, che ieri si è spento all’età di 93 anni.

IMA
JULIUS MEINL

Una vita al servizio di una delle eccellenze dell’immaginario napoletano. Grazie alla forza di una famiglia che, da Casavatore, ha girato il mondo; notissima per l’inconfondibile logo, quello di un bambino che si lecca i baffi. A tutti sembra un ”pellerossa” uscito da un film western, ma in realtà non è così.

La storia del logo raccontata da Biagio Passalacqua

Lo stesso Biagio ha più volte raccontato la nascita del logo con un’intuizione del padre Samuele (che fondò la ditta nel 1948) il quale un giorno decise di dare una goccia di caffè ad un ragazzino che, ogni volta che vedeva arrivare le tazzine di caffè, chiedeva di assaggiarlo. Ad ispirarlo fu il modo in cui il ragazzino si leccò le labbra, per manifestare che la bevanda gli era piaciuta.

Da quel momento, Samuele decise che quel volto sarebbe stato l’immagine della Passalacqua. Le due piume sul capo del ragazzo richiamavano, invece, la cultura del Messico, luogo dal quale arrivavano i primi approvvigionamenti di materia prima.

Una torrefazione stabile

Nel corso degli anni, partendo da una torrefattrice di 5 chilogrammi, la S.Passalacqua Spa è riuscita a costruire una realtà solida. Produce 3.460 chili di caffè all’ora e 14 miscele in uno stabilimento di circa 6mila metri quadrati.

Gran parte di questo successo è dovuto alla dedizione di Biagio che ha trasportato nel terzo millennio l’idea del padre. Lasciandola ai nipoti, che oggi portano avanti la produzione e la commercializzazione dei prodott. La loro caratteristica è sempre stata l’elevata qualità.

Tutti i napoletani conoscono il caffè Passalacqua, soprattutto per averlo bevuto nella catena di bar ”di famiglia” a marchio Mexico (oggi Mekico). Loro hanno contribuito a diffonderne il successo anche nel resto d’Italia e nel mondo.

Il miglior Espresso d’Italia

Negli anni Sessanta, infatti, come ha raccontato proprio pochi mesi fa lo stesso Biagio Passalacqua, lo scrittore Mario Soldati scrisse sul quotidiano la Stampa di Torino di aver bevuto il miglior caffè d’Italia a Napoli, al bar Mexico di piazza Dante (primo punto vendita aperto).

Grazie a questo spot inaspettato, e a una strategia di vendita al dettaglio per corrispondenza, oggi il caffè Passalacqua è esportato praticamente in tutta Europa (Islanda compresa). Così come in Giappone, Stati Uniti, Canada, Australia e Filippine.

Decaffeinato buono anche senza caffeina

Tra i prodotti di cui Biagio Passalacqua andava più orgoglioso c’è il decaffeinato. Sottolineava, «non è un caffè a metà. Perché – spiegava – abbiamo usato i caffè più aromatici per attenuare gli effetti negativi della decaffeinazione. Abbiamo ottenuto così un gusto dolce e pieno».

I nipoti di Biagio Passalacqua innovano conservando la memoria della tradizione

Alla tradizione (in azienda il caffè si fa solo con la macchinetta napoletana), si è unita poi l’innovazione portata dai nipoti. Hanno gestito insieme a lui l’azienda, e che continueranno a farlo, cercando di trarre ispirazione dal rigore e dal sacrificio che il «re» del caffè napoletano ha sempre dimostrato nel suo lavoro.

Fino all’ultimo, sempre in prima linea. Anche negli ultimi anni che hanno visto l’azienda resistere sui mercati, nonostante la crisi. Un «re» discreto, che se ne va in punta di piedi. Con la misura che lo caratterizzava: nella pubblicità, il suo caffè lo aveva definito ”solo” «uno dei migliori…»

Lo piange la famiglia, ma anche la città. A quel simbolo buffo del suo marchio è affezionata, come al suo caffè dall’aroma deciso. Parenti e amici gli hanno dato l’addio giovedì 4 dicembre stamattina nella chiesa San Giovanni dei Fiorentini di Napoli.