Home Affari & Mercati Massimo Zanet...

Massimo Zanetti Beverage group risale con nuove acquisizioni ma il titolo è ancora sotto l’Ipo

Il collocamento non è stato il successo che Massimo Zanetti si aspettava ma il business model della società, che opera su tre aree, è unico. "La quotazione protegge il gruppo e tutela i miei figli."

massimo zanetti beverage

MILANO –  Massimo Zanetti Beverage group risale la china dai minimi, programma l’apertura di nuove caffetterie nei 150 punti vendita Trek, di cui è sponsor di maglia della squadra ciclistica, studia nuove acquisizioni e nuove alleanze commerciali, come quella per distribuire il caffè Segafredo Zanetti negli alberghi di Accor o sui voli AirFrance.

L’Ipo non è stata il successo che Zanetti si era aspettato, perché il gruppo racchiude in sé business diversi, senza contare che in Borsa non ci sono altri titoli del settore a cui paragonare l’azienda italiana.

Eppure Mzb group ha un modello di business bilanciato che opera su tre aree:

  • le private label ovvero il caffè per conto terzi (36% circa dei ricavi), dove i margini sono contenuti, ma il rischio è tutto del committente;
  • il caffè per la grande distribuzione (37,5%) dove i margini sono più interessanti, ma c’è il rischio di una sfasatura temporale tra i prezzi delle materie prime e quelli al pubblico;
  • le caffetterie e il food service (21%)

I margini sono elevati e ribaltare l’incremento di prezzo delle materie prime è immediato e spesso non impatta neanche sul costo della tazzina.

«Ero un giovane imprenditore trentenne e un mio amico che ugualmente aveva un’azienda medio grande disse a Guido Rossi che non vedeva il motivo per quotarsi in Borsa – spiega il presidente e ad del gruppo che porta il suo nome – . Ricordo perfettamente che Rossi gli rispose: se da grande vuoi rimanere una bottega va bene, ma se vuoi diventare grande devi andare in Borsa».

E Zanetti 68 anni, vuole diventare grande, per questo si è quotato e per questo continua a studiare nuove acquisizioni, l’ultima fatta a luglio è quella di Nutricafés, gruppo portoghese che controlla marchi storici come Nicola Cafés e Chave d’Ouro, dove Mzb ha investito 74,5 milioni per una società che ha una redditività record e che le permetterà di penetrare meglio il mercato iberico.

«La mia dote migliore da imprenditore è quella di organizzare il lavoro – dice Zanetti – in una squadra io sarei l’allenatore e le acquisizioni le abbiamo sempre pensate per coprire una mancanza, accelerare un processo o apprendere del know how da chi è più bravo di noi, per questo guardiamo con crescente interesse al Sud America».

Un’altra acquisizione strategica, fatta dal gruppo che produce le miscele per colossi come Walmart e McDonald’s, è quella di Club Coffee, società canadese che con Mzb ha sviluppato la tecnologia delle prime capsule monodose certificate al 100% compostabili.

Soprattutto negli Usa, dove il tema della sostenibilità è fondamentale, produrre una capsula di caffè buona anche per l’ambiente, sarà una killer application. E per rilevare il 15,1 % del capitale di Mzg ha investito 15,1 milioni di dollari canadesi, diventando un cliente ma anche un azionista di Club Coffe.

Queste acquisizioni, insieme a quella di Boncafé Group (78 milioni di euro) che nel 2014 ha permesso alla società di entrare nel mercato del caffè “gourmet” del Sud Est Asiatico e del Middle East, sono infatti destinate a esprimere il loro potenziale nei prossimi anni, e saranno un volano di crescita futura.

Anche per questo Zanetti è convinto che con il tempo, anche i valori di Borsa dovranno rispecchiare il potenziale del gruppo, perché i tempi dell’impresa e quelli del mercato sono per definizione sfasati.

“Grazie al mercato l’azienda ha accesso al credito in maniera più facile e inoltre la quotazione protegge la società e tutela i miei figli. Ho conosciuto bene Caprotti, che è stato un grande imprenditore, ma anche pensando al futuro di Esselunga, non riesco a capire quello che è successo tra lui e i figli.”


Target price e valutazione positiva

Intanto gli analisti che per mesi erano rimasti scettici sul titolo ora tornano positivi su Mzb group, valutata interessante con target price che vanno dagli 8 euro per azione di Exane agli 8,8 euro di Banca Imi. Certo sempre un terzo in meno degli 11,6 euro del collocamento, ma anche un 15-20% in più rispetto alle attuali quotazioni di Borsa.