Home Caffè Torrefattori Lavazza prese...

Lavazza presenta «2030 what are you doing», il calendario 2018 firmato Platon

Presentato il Calendario #lavazza “2030 What Are You Doing?”: Massimo Bottura, #jeremyrenner, #alexandracousteau, #andreagassi e #carlopetrini tra i 17 ambasciatori della sostenibilità che - nei ritratti d’autore del fotografo #platon - sollecitano l’impegno di tutti, cittadini, istituzioni e aziende, per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite

Massimo bottura lavazza

MILANO – Presentato ieri il calendario Lavazza 2018. In linea con quello che lo hanno preceduto. Perché «E tu, che cosa stai facendo?» è la domanda che ci rivolge il Calendario #lavazza 2018 è diretta, senza filtri. Riecheggia potente nei 193 stati membri delle Nazioni Unite.

Calendario al caffè per un 2018 eccitante

E tu, cosa stai facendo? Una domanda che ricorda a tutti il 2030. Una data individuata dall’Onu come l’ultima utile, per trasformare il pianeta in un luogo più sostenibile.

Anzi, il 2030 è provocatoriamente già arrivato nei 17 ritratti fotografici di Platon. Foto che animano “2030 What Are You Doing?”.

Il nuovo Calendario #lavazza

E’ il primo megafono artistico a livello mondiale dei 17 Obiettivi. Legati a Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (Sustainable Development Goals, SDGs)

Li racconta attraverso l’impegno concreto di 17 ambasciatori della sostenibilità. Uomini e donne impegnati a trasformare gli scarti alimentari in un pasto per i più poveri. Oppure una bottiglia di plastica in una fonte di luce democratica. A istruire i bambini, a insegnare un lavoro ai giovani disagiati e alle donne emarginate; a proteggere il mare e la biodiversità. E ancora, per affrontare i cambiamenti climatici. Per battersi per un’economia della natura e della vita.

E tu, che cosa stai facendo?

Dallo chef Massimo Bottura all’attore statunitense Jeremy Renner. Dalla paladina degli oceani Alexandra Cousteau a Carlo Petrini, fondatore di Slow Food.

Immortalato anche il campione di tennis Andre Agassi. Così come Jeffrey Sachs. Direttore del Network dell’Onu per lo Sviluppo Sostenibile. Si passa poi per l’ideatore della Blue Economy Gunter Pauli e per il co-fondatore di Rainforest Alliance Daniel Katz.

I 17 scatti fotografici di #platon

Ritratti che scrutano nell’anima dei 17 protagonisti e dentro ognuno di noi. Ci mettono quindi davanti alla domanda ineludibile – 2030 What Are You Doing? – Ci ricordano così, come il 2030 sia molto vicino. Mentre la strada per raggiungere i 17 Goal sia ancora tutta in salita.

Un progetto creativo dell’agenzia #armandotesta

E’una chiamata alla responsabilità, prima di tutto individuale e poi collettiva.

“La domanda che dà il titolo al Calendario #lavazza 2018 è diretta e volutamente provocatoria. Che cosa stai facendo? Tutti noi, cittadini, istituzioni politiche e sociali, aziende.

Siamo chiamati a rispondere e ad impegnarci per fare la differenza. I 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite sono, infatti, la strada da percorrere. Per salvaguardare così il pianeta.

Ma il 2030 è sempre più vicino. E’ ormai quanto mai urgente l’attivazione di una contaminazione virtuosa di persone. – Commenta Francesca #lavazza. Membro del Consiglio d’Amministrazione dell’Azienda -“.

“Ecco perché abbiamo deciso di sostenere i 17 #sdgs dell’Onu. Poi di interpretarli per la prima volta in chiave artistic. Questo, grazie a un maestro della fotografia contemporanea come #platon.”

Rendere pop un impegno universale verso il 2030

“Vogliamo diffondere e far conoscere in modo capillare le tematiche e i protagonisti. Solo così potremo smuovere le persone. Soprattutto i più giovani.

Per diventare i veri game changer del futuro. Vogliamo essere portatori di una rivoluzione positiva. Ispirare e risvegliare il senso comune. Essere noi stessi i rappresentanti del cambiamento che vogliamo vedere nel mondo”.

Vero ispiratore del Calendario #lavazza “2030 What Are You Doing” è Jeffrey Sachs

Professore alla Columbia University e Special Advisor del Segretario Generale dell’Onu, António Guterres, sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Sachs è tra gli ambasciatori della sostenibilità ritratti da #platon; nonché interprete insieme alla moglie Sonia del Goal numero 17: Partnership per gli obiettivi.

“Tutti i 193 stati membri delle Nazioni Unite – spiega Sachs – hanno adottato gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile nel 2015. Lo scopo è quello di guidare il mondo lontano dai crescenti pericoli di distruzione ambientale.

Verso un futuro che potrebbe essere di prosperità, salute; educazione e pace. Oggi, dopo 2 anni, siamo ancora molto lontani dal traguardo di questi 17 Goal. Sono certamente ambiziosi, ma raggiungibili entro il 2030. La chiave è la cooperazione globale; principio cardine che interessa tutti noi, non solamente i governi, ma anche gli individui, le aziende; le università e gli altri soggetti della società civile.

Il Calendario #lavazza celebra questo impegno globale. Ricorda così a tutti noi che cosa c’è in gioco. La mia speranza, e anche la mia convinzione, è che possa ispirare moltissime altre persone ad abbracciare la causa dello sviluppo sostenibile”.

Diciassette scatti d’autore per il pianeta

E tu, che cosa stai facendo? La domanda-provocazione del Calendario #lavazza 2018 arriva dritta negli occhi. Penetra la coscienza, scomoda e senza filtri.

Grazie all’obiettivo deformante di Platon. Il fotografo e storyteller inglese di origini greche. Apprezzato in tutto il mondo come il “fotografo dei potenti”.

Per aver ritratto e catturato l’anima, l’umanità, dei più influenti leader mondiali. Dai giganti dell’imprenditoria e alle icone dello spettacolo.

“Con il Calendario #lavazza ‘2030 What Are You Doing?’ vogliamo mettere sotto i riflettori – racconta Platon – un nuovo gruppo di eroi culturali. Dando loro tutta l’autorevolezza che meritano. Con questo progetto ho cercato, nel mio ruolo di provocatore culturale, di innescare un dibattito rispettoso sui temi che devono guidare la nostra coscienza e sull’importanza di una leadership positiva. Perché qui non c’è negatività e non si muovono accuse, ci sono solo energia e passione. E’ dunque una rivoluzione positiva. Sono 17 storie straordinarie, che possono essere fonte di ispirazione. Diventare quindi il motore di una comunità di cittadini globali responsabili. Mossi dalla compassione e da un profondo spirito di servizio nei confronti degli altri”.

Una storia di esempio, di ispirazione per ogni Goal

E’ la grande sfida che #lavazza ha voluto intraprendere con #platon e con la direzione creativa di #armandotesta.

“Dopo tre anni alla scoperta dei Difensori della Terra – i moderni eroi impegnati a nutrire il pianeta in modo equo e sostenibile in Africa, America Latina e Sud Est Asiatico – la grande fotografia d’autore si fa portavoce dell’urgenza di un impegno sociale universale. Uno che nessuno può più ignorare.

Dopo Newton, Annie Leibovitz, LaChapelle, Steve McCurry e tanti altri maestri della fotografia contemporanea, abbiamo individuato nella sensibilità di #platon, storyteller e grande conoscitore dell’animo umano, il giusto interprete per raccontare artisticamente i 17 #sdgs”.

La 26esima edizione del Calendario #lavazza

“Segna anche un ritorno, dopo 16 anni, al bianco e nero. Un trattamento che attraverso l’obiettivo di #platon diventa modernissimo. Uno stile diretto e senza fronzoli che ci restituisce i nostri protagonisti nel modo più autentico possibile. Un bianco e nero che favorisce la riflessione, l’introspezione profonda. Perfetto per un tema universale come l’impegno per la salvaguardia del pianeta”, Aggiunge infine Michele Mariani, Executive Creative Director di Armando Testa.

Il contagio di responsabilità

Lavazza, attraverso un progetto di comunicazione integrata, darà visibilità tramite una campagna televisiva composta da 5 video stories ad alcuni ambasciatori della sostenibilità. Come Jeffrey e Sonia Sachs, #carlopetrini, #alexandracousteau, #massimobottura e #andreagassi.

Inoltre, il Calendario #lavazza 2018 (sfogliabile online su Calendar.lavazza.com) invita i cittadini, tutti i soggetti della società civile a conoscere e amplificare la portata dei i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite. Fino al traguardo del 2030.

Da oggi – anche grazie alla collaborazione con ASviS – sarà possibile dichiarare il proprio impegno come ambasciatore della sostenibilità. E contribuire al “contagio” di responsabilità sui canali social con l’hashtag #2030whatareUdoing.