venerdì 24 Maggio 2024
  • CIMBALI M2

Isic: “Bere caffè riduce il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari”

Il professor Kjeld Hermansen: “Bere quantità moderate di caffè non solo è associato a un minor rischio di malattie cardiache, ma anche ad una vita più lunga. Queste tendenze sono valide per le persone con e senza malattie cardiovascolari. I chicchi di caffè hanno oltre 100 composti biologicamente attivi. Queste sostanze possono aiutare a ridurre lo stress ossidativo, l'infiammazione e migliorare la sensibilità all'insulina e il metabolismo. Gli esatti meccanismi di azione in relazione alle malattie cardiovascolari non sono, tuttavia, ancora chiariti"

Da leggere

  • Dalla Corte
  • TME Cialdy Evo
Water and more
Demus Lab - Analisi, R&S, consulenza e formazione sul caffè

MILANO – Un nuovo rapporto condotto dall’Institute for Scientific Information on Coffee (Isic) e recensito dal professor Kjeld Hermansen, dipartimento di medicina clinica dell’Università di Aarhus in Danimarca, valuta le ultime ricerche sul potenziale ruolo del consumo di caffè nella riduzione del rischio di malattie cardiovascolari.

Le malattie all’apparato circolatorio sono la principale causa di morte in Europa, con oltre 11 milioni di nuovi casi diagnosticati ogni anno. Una cattiva alimentazione, la mancanza di attività fisica, il fumo e l’aumento dei livelli di colesterolo nel sangue sono tutti fattori di rischio per l’insorgere di problemi al cuore. Anche altre problematiche come l’obesità e il diabete di tipo 2 sono aumentati considerevolmente negli ultimi anni.

Triestespresso

Il consumo di caffè riduce il rischio di malattie cardiovascolari

Questo rapporto in particolare indaga il crescente corpo di letteratura che esplora l’effetto del consumo di caffè sul cuore e come un piacere quotidiano può potenzialmente svolgere un ruolo nella riduzione del rischio di malattie al cuore.

I risultati rivelano alcuni significativi benefici per la salute e un potenziale effetto protettivo del caffè sul rischio di problemi al problema circolatorio, con i maggiori benefici osservati con il consumo di 3 tazze al giorno.

I risultati chiave della ricerca includono:

  • Una grande riduzione del rischio relativo di mortalità per tutte le cause grazie al consumo di 3 tazze al giorno di caffè. In particolare, è stata osservata anche una diminuzione del rischio di incidenza di ictus.
  • Un significativo effetto protettivo del consumo di caffè sull’ipertensione e sul rischio di fibrillazione atriale, a partire da 3 tazzine al giorno.
  • Una significativa riduzione dell’incidenza di eventi cerebrovascolari, insufficienza cardiaca e aritmie negli uomini.

Gli aggiornamenti clinici chiave delle società professionali includono:

  • Linee guida 2021 riviste sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari nella pratica clinica dalla European Society of Cardiology (ESC), in cui viene incluso per la prima volta il consumo del caffè, affermando che “un consumo moderato di caffè (3-4 tazze al giorno) probabilmente non è dannoso, forse anche moderatamente vantaggioso”.
  • Dichiarazione rivista del 2022 della European Society of Hypertension (ESH) sui nutraceutici e la pressione sanguigna, affermando che le bevande ricche di antiossidanti (come caffè e tè) potrebbero essere considerate scelte potenzialmente utili per sostenere una pressione sanguigna sana.

Il professor Kjeld Hermansen afferma: “Bere quantità moderate di caffè non solo è associato a un minor rischio di malattie cardiache, ma anche ad una vita più lunga. Queste tendenze sono valide per le persone con e senza malattie cardiovascolari. I chicchi di caffè hanno oltre 100 composti biologicamente attivi.”

Hemansen conclude: “Queste sostanze possono aiutare a ridurre lo stress ossidativo, l’infiammazione e migliorare la sensibilità all’insulina e il metabolismo. Gli esatti meccanismi di azione in relazione alle malattie cardiovascolari non sono, tuttavia, ancora chiariti”.

Per leggere il report completo intitolato “Caffè e malattie cardiovascolari” cliccare qui.

A proposito di Isic

L’Institute for Scientific Information on Coffee (Isic) è un’organizzazione senza fini di lucro, fondata nel 1990 e dedicata allo studio e alla divulgazione della scienza relativa al caffè e alla salute. Dal 2003 l’Isic sostiene anche un programma educativo europeo e lavora in collaborazione con le associazioni nazionali del caffè in nove paesi per trasmettere le attuali conoscenze scientifiche su espresso e salute agli operatori sanitari.

Le attività di Isic sono focalizzate su:

  • Lo studio delle materie scientifiche relative al caffè e alla salute.
  • La raccolta e la valutazione di studi e informazioni scientifiche.
  • Il supporto della ricerca scientifica indipendente sul caffè e sulla salute.

Isic rispetta l’etica della ricerca scientifica in tutte le sue attività. Le comunicazioni di Isic si basano su una solida scienza e si basano su studi scientifici derivati ​​da riviste scientifiche e altre pubblicazioni sottoposte a revisione paritaria.

I membri di Isic sono sei delle maggiori aziende europee di caffè: illycaffè, Jacobs Douwe Egberts, Lavazza, Nestlé, Paulig e Tchibo.

CIMBALI M2
  • Gaggia brillante

Ultime Notizie

Carte Dozio